Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 88v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0212
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

L \ r, r o V.

nel mutare gli alloggiamenti lì offendevano i
nemici, e ii giovava a' suoi. Senza dubbio la-
ri cola (inorata, e ila nomini forti, potai si lopra
quel de' nemici, e lari molto commodo e li-
euro il potarli nel luci. Ala ordiniamo in que-
lla maniera : presupponiamoci che tali sieno
(;li alloggiamenti a tutto il paese clic è loi lotto
e che gli obbedisee, quale è ad una Città la
Fortezza la quale è necessario che abbia le Ri-
tirate -vicine verso i suoi, e le Ulcitc pronte
e parate verso i nemici. Ultimatamcntc nel
fortificare gli alloggiamenti, si tengono varj mo-
di. GÌ' Inglesi con pali di dieci piedi, abbron-
zati e appuntati, lì fanno a torno uno (lecca-
to, cojo una delle Telle sitta e rincalzata nel
Terreno, e l'altra lopra terra, e rilevate di mo-
do, che {guardino verso i Nemici. I France-
si, dice Celare, eh' erano soliti di porre verso
i Nemici per argine i carri, il che dice che
uiàrono ancora i l'racj contro di Alelìandro.
Que' di 'l'ornai, per impedire malìime i Caval-
li, tagliati teneri arbulcclli, e ripiegatili, e in-
trecciatili insicine l'uno con l'altro, e con ìpelsi
rami rilegati, II ficcvano una siepe attorno. Ar-
riano racconta che quando Nearco Capitano
dell'Armata di Aleisandro navigò per 11 Mare
dell'India, che e' cinlc gli alloggiamenti di Mura
per clscre più fìcuro de' Barbari. I Romani ave-
vano per collume di aver proveduto sempre in
qualunque caso o di fortuna o di tempo, che
mai in luogo alcuno non si avellìno a dolere
di loro slelli ; et elercitavano i loro Soldati non
meno nel fortificare gli Alloggiamenti, che in
ogni altra sorta di cole appartenenti alla guer-
ra : Né silmavano tanto il nuocere a loro Ne-
mici, quanto cercavano che i loro si potcsiìno
difendere egregiamente : E pensavano finalmen-
te che ftilse non piccola parte della vittoria, il
poter relillere al nemico, e resiilendoli farli cade-
re la speranza del vincere, e mandamelo per mala
via. E per quello si usurparono tutte quelle co-
se, che da chi si fotse, o raccontarli o pen-
sarsi potevano, et ciseguironle secondo i conimodi
e la l.ilute loro. E sé vi mancavano luoghi ri-
levati e seoseesi; gl'imitavano con profond'illime
folle et argini rilevati, e gli cerchiavano di (lec-
cato e graticci.

Boo

Camp iV, with regard to all the Territory which
is Lubjeu to it, what a Citadel is to a City ;
which ought to have a siiort and casy retreat to-
wards iis Friends, and an open and ready palsage
upon its Enemies. Lallly, in the fortisying of
Camps various methods have been used. The
Britain* used to make a Fence round their Camps
with Stakes ten soot long, lharpencd and burnt
at the ends, with one,end fixed in the ground,
and the other Handing up to keep oft" the Enemy.
t'.r/.rr tells us, that the Cutis used to make a Ram-
part of their Waggons, as he says the Tbraciani
also diil again!! Alexander. The Servii (or peu-
ple of Tournay) used to cut down young Trees,
and binding and interlacing the boughs together
made them into a llrong hedge, which scrved
chiessy lor keeping off the Horle. Anion relates
that when Nearcbus, Alexander's Admiral, sailed
along the Indian Sea, having occasion to land, he
(unrounded his Camp with a Wall to secure him-
self againll the Barbarians. The Roiijms were
alway» lo well provided, and had so much fore-
sight, that whatever happened they took care
it ihou'd never be by their own fault ; and
they used to exercife their Soldiers no less in
making Incampments, than in the other parts
of the Military Duty. Nor did they think
there was so'much merit in offending their
Enemies, as in securing their own Men ; and
they accounted it no small part of the Victo-
ry, to be able to withlland the Enemy, and
to repulse him so sloutly as to make him
despair of success. For which reason they ne-
ver neglcfled any means of defence that they
cou'd learn or invent for their own safety :
and if high Hills or Precipices were not to
be had, they imitated them as well as they
cou'd with very deep Ditches and high Ram-
parts, encompasled with llrong Fences of Stakes
and Hurdles*

Cap,

Chap.

1
loading ...