Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 89v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0214
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L r D r o V.

sondai nove, cioè bracca quattro e mezza, tac-
cili la folla con le sponde ripide, che ella sia tan-
to Urea nel fondo, quanto nella bocca; ma dove
il terreno lìnotartc,faccisi,.un poco a scarpa, rirtrin-
geuJolì alquanto nel fondo. Nelle Pianure, e
ne' luoghi balli riempitili detti folli di acqua con-
dottavi a porta, cavata del fiume, del lago o del
Mare. E sé tu non potrai far quello, seminerai
di punte di ferro* e di triboli il fondo, e ficche-
raivi in divertì luoghi) pali e tronconi mondi e
appuntati, acciocché nuocano a' nemici. Fatte
e allettate le folle, facciusi 1' Argine tanto grosl'o ;
che e' non porta edere disfatto da ogni minima Ma'
china da guerra, e tanto alto ; che non pure le
Falci vi portano arrivare a levar via i Soldati, ma
non che altro, non vi portano essere tratte freccie
o altro, manualmente con facilità, per ispaventare
i Soldati. Et è cosa molto opportuna, che quel
die si cava delle forte, si ammonti suso, perchè
seria per argine. Al fare quello lavoro lodarono
gli Antichi grandemente le Piote delle praterie
con l'erba disopra, conlegate sotto con infinite
Barbolinc : Altri vi mescolano ramusijelli di Salci
verdi che fortifichino con il loro germogliare, e
con il loro abbracciare de' rami, il fatto Argine :
Per li labbri delle forte di dentro, e nell'ellremo
dell' argine vi si mettono spinc, punte dritte, e
punte uncinate, e sì fatte cose, acciò non vi pos-
iano salire i nemici così preslo. La parte dell' Ar-
gine disopra sia cinta da pali gagliardillimi fermati
su gli altri a traverso, a guisa di Cornicione con
graticci e teira merlavi dentro e pigiatavi ; acco-
modinvisi le merlature, e avanzinvi sopra tronco-
ni a guisa di Corna di Cervi. Ultimamente adat-
tinsi tutte le cose in sì fatto lavoro, mediami le
quali, egli sia manco atto ad essere minato, o ad
essere tagliato, o a potervi!! salire : e sia il Soldato,
mediante tale fortificamento, più coperto, e più si-
euro: Faccinvisi a ogni cento piedi le Torri, e
massime verso i luoghi dove si a da combattere,
più sperte, e più alte, acciocché elle pollano nuoce-
re gagliardillimamente il nemico che fusse entra»
to dentro a gli Alloggiamenti. Facciali che il pa-
diglione del Generale, e la porta che guarda verso
i nemici, e quella dal lato di dietro, che già si
si chiamavano porta Quintana, e porta Decuma-
na, sieno in luoghi fortissimi, e speditillime a
mettere fuori in un subito rEsserdto,a metter den«
tro le Vettovaglie, e a ricevere, e a ricuperare i
Soldati: e quelle cose certo si convengono più a gli
alloggiamenti da (larvi all'ai, che a quei che li fan'
fio momentanei. Ma elsendo bene aver patirà d'
ogni evento, che ti polla arrecare o la fortuna o i
tempi; In erti alloggiamenti momentanei ancora,

non

O O K

V.

soot wide, and nine deep. Let the sides of
the Ditch be perpendicular, so that it may be
us broad at the bottom as the top; but where
the soil is loose, you may allow a sinali (lope,
running somewhat narrower toward9 the bottom.
In a Plain, or a low situation, fill your Ditch with
Water brought from soine River, Lake, or Sea :
but if this cannot be tffessed slrew all the bottom
With Iharp points of Heel and caltrops, and fix
up and down a good number of Hakes with their
ends smoothed and Iharpened, to keep oil" the
Enemy. Having compleated your Ditch, make
your Rampart so thick, that it may not be to be
iliaken by every little military Engine, and so
high as to be above-the reach of the grappling
Hooks, and even of Darts thrown by the hand.
The earth dug otit of the Foss lies very con-
venient and ready at hand for making up the
Rampart. The Ancients for that Work very
much commended Turfs dug out of the meadows
with the grass upon them, the Roots Whereof
fallen them very llrongly together. Others in-
termix them with twigs of green Oziers, which
rtrike their Roots into the Rampart, and by the
contexture os their Fibres ilrengthen the whole
work. Along the inward edge of the Foss and
the outside of the Rampart let thorns, Ipikes,
tenter-hooks and the like, to retard the Enemy
in his ascent. Let the top of the Rampart be
girt with a strong frame of Timbers joyned to
one another crossways like aCornilh, with hurdles
and earth well ramm'd in together between them ;
and upon these raise your battlements, and slick
in forked palisadoes like ssag's horns. Ih a word,
let every thing be so contrived in this kind of
Structure, as to make it difficult to be either
undermined, thrown down, or mounted ; and
to prote£l the Soldier who is to defend it.
Upon the edge of this Rampart eress Towers at
the dillance os every hundred feet, and especially
in such parts as are mod likely to be attacked,
where they ought to (land closer and be built
higher that they may the more effessually annoy
the enemy, when he attempts to make his Way
into the Camp. Let the Pratorium, or Gene-
ral's Tent, and the gate looking towards the
enemy, as also that in the back of the Camp,
which two gates tised formerly to be call'd
the porta Qitintanaj and the porta Decumana, be
placed in the ssrongell parts of the Camp, and
lye convenient for making any sudden sally with
the Army, or bringing in of Prdvisions, or giving
a ready retreat to your own men. All these
conveniences belong more particularly to a ila-

tionary

\
loading ...