Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 92r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0219
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


Librò V.

le Torri, i Ponti, e altre limili minugie, e faccia
quello a p.oltro propolito, cioè che le travi, e le
Piane che pendono dalle sponde e da i fianchi, e
clic (portano fuor de' Roifri, servono per fortifi-
camento contra gl'impeti de' Nemici : e le travi
ancora ritte in luogo di Torri, le Antenne e le
Scafi o Gasgie ritte hi le Antenne, sono molto a
proposito in cambio di ponti. Gli Antichi tisarono
metter su le Prue quelle Machine da guerra
che chiamavano Corvi : i Noslri nella Prua e
nella Poppa a lato a gli alberi anno imparato a
rizzar Torri, e a porvi pannacci grosìi e funi e
lacchi e altre cose limili che servano di Steccato
e difesa, e impararono diligentemente a vietar la
salita a quei che montavano alla volta loro su
per le funi, con mettervi sopra una Rete. E noi
altrove pensammo e descriveriimo in che modo i
Tavolati delle Navi, su per li quali lì cammina, lì
potellino in un momento nel mezzo del combat-
tere, empiere per tutto d'acutilsime punte, spesse
e ritte di maniera che il nemico non vi polla
muovere sopra il piede, senza rimanerne ferito :
E per il contrario quando bisognasse, in manco
spazio di tempo, come lì potesse levar via qual lì
voglia sì fatta ofresa. Ma non è qui luogo da vo-
lerle riandare,balta che io n'abbia voluto avvertire
i buoni ingegni. Oltra quello trovai un modo
co'l quale io potevo con un leggier colpo di mar-
tello, mandare solsopra tutti i tavolati, e tutta la
moltitudine che vi fulle salita sopra : E dipoi in
un subito con poca feria rimettere in allctto il
tutto, secondo il bisogno. Né racconterò quelle
cose che andai investigando per affondare e ab-
bruciare le Navi nemiche, e per mandare a
male e ammazzare con morte miserabile, la ciur
ma Navale : Di else sé ne parlerà forsè altrove.
Ma non si Iasci in dietro quello, che e' non si as-
fetta la medesima lunghezza, altezza, e grandez-
za di Navigli in tutti i luoghi. Nel Mare Mag-
giore infra gli Stretti delle Isole, i Navigli che
anno le Carine larghe, de' quali non puoi fare
a tuo modo, sé non con gran numero d'uomini,
la fanno male, quando i Venti sono punto ga-
gliardi più che il dovere : Per il contrario alle
Colonne di Ercole dove il Mare si allarga, i Na-
vigli di Carine llrette, vi si sommergono. Ap-
partiensi ancora alle cose Navali difendere il Por-
to o impedirlo. Quello si verrà fatto commodis-
lìmamente con avere asfondata qualche grandis-
sima Machina, e con aver fatto a traverso Ar-
gini, o portevi Catene o altre limili cose, delle
quali trattammo nel libro di sopra : Ficchinviiì
pali, gettinvisi impedimenti di salli, oltra di que-
llo vi si asfondino cassè di Tavole, e celle di vimi-
ni,

Book V.

92

desecncì to other minute particulars necesTary both
to the way and defence os the Veisel, such as
Oars, Ropes, lharp Beaks, Towers, Bridges and
the like ; but silali only observe, that the Planks
and limbers which hang down by the sides and
slick out by the beak of the vesseli will serve in-
slead of a sortification against the attacks of the
enemy as will Poles (luck up right, inllead of
Towers, and the Boom, or the Skiff laid over
the Boom, inllead of Bridges. The Ancients
used in the prow of their Ships to place a mi-
litary Engine, which they call'd a Conns : but
bur mariners now In the head and Hem of their
vellcls near the malts have learnt to let up towers,
which they fence round with old coarse cloaths,
ropes, sacks and the like to deaden the sorce of
any violence that might attack them ; and to
keep off any enemy that siiou'd attempt to board
them, they sot up a fence of net-work. I have
in another place contrived and shewn how the
floor of the ihip may in a moment, in the midll of
an engagement, be rilled with lharp points slick-
ing up close to one another, so that an enemy
'can never set his foot any where without a wound;
and on the other hand when there is occasion,
how all these may in less space of time be all
removed and cleared away : but this is not a
proper place for repeating it again ; and it is suf-
ficient to have given the hint to an ingenious
mind. Moreover I have sound a way how, with
a slight llroke of a hammer, to throw down the
whole ssoor, with all the men that have boarded
the vessel and Hand upon it, and then again with
very little labour to replace it as it was before,
whenever it is thought necesiary so to do. Neither
is this a proper place to relate the methods
which I have invented to sink and burn the enemy's
Ihips and delfroy their crews by miserable deaths.
"We may rerhaps speak of them elsewhere. One
thing mult not be omitted, namely, that Velselsof
different heigths and sizes are requisue in different
places. In the mare maggiore, in the narrows
among the islands, a large Ship, that cannot be
managed without a great number of hands, is very
unsile when the winds arc any thing boiilerous:
on the contrary out of the Straits mouth, in the
wide Ocean, a little Velscl will not be able to live.
To this head of maritime affairs also belong the
defending or blocking up a haven. This may
be done by linking any great Body, or by Moles,
Peers, Chains and the like, whereof we have
treated in the preceding book. Drive in Piles,
block the Port up with huge Stones, and sink large
hollow frames made either of planks Or oziers and

filled
loading ...