Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 98v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0232
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IBRO

V.

nllìmamantc da qualunque Vento, Sole, o Ve-
lluta : {bendali quindi sacilitlimamente nelle
l'ollctl'ioni, ricenvalì i forelticri the vi capitano
in luoghi convenientemente spazioli, onde ne Ben
Vedute la Città, le Terre, il Marc, e una dillesa
Pianura, e le conosdutc cime delle colline e de'
Monti : abbia quali (otto gli occhj delicatezze
di giardini, e allettamenti di Desissioni e di
cacciagioni. E conciolìa che iiccomc noi ti di-
cemmo, le patri delle cali, altre appartengano a
tutto l'Universale, e altre a più persone inlie-
me, e altre ad una o più penane leparatamcn-
te ; in quelle, quanto alle parti che appartengo-
no all'univerlale, imiteremo le Case de' Pren
cipi. Innanzi alla porta sianvi Prati grandi, da
potervi correre con le carrette, e da maneg-
giarvi cavalli, che sieno molto più lunghi che
il Tiro de' giovani de' Dardi, o delle Alte. In
Casa poi per le parti che iervono a più, non
vi inanelleranno luoghi da palleggiare da farli por-
tare, da nuotare, e Pratelli e Cortili e Loggie,
e alcune in cerchio, dove i Vecchj, l'Inverno, a
benigni Soli pollano Ilare a ragionare ; e la fa-
miglia, v' abbia a ilare a felleggiare e a go-
dere la State dell'ombra. Et è cosa manifclta
the nclie case, alcune cose spettano alla fami-
glia, e alcune a quelle cose che son grate alla
samiglia. La famiglia sarà quella, il Marito la
Moglie i Figlioli i Parenti, quei che per biso*
gno di collofo vi Hanno inheme, quei che avran-
no cura delle cose, i Mirnìlri, i Famigli : Oltre
a che i forellieri ancora sono nel numero della fa-
miglia. Bisogna per amor della famiglia avervi
le cose per vivere, come sono le cose da mangia-
re, e le cose che servono per li bisogni, le Velli
le Armi i Libri e i Cavalli ancora. La principal
parte di tutte è quella, la quale chiameremo il
Coitile. Dopo il quale sono le Sale, e più a
dentro le Camere, e finalmente i Cabinetti :
L'altre danze mediatiti le lor cose si conolcono.
E perù il Cortile sarà la parte principale, sopra il
quale corrisponderanno tutte l'altre membra mi-
nori : come fulTe un publico mercato della Casa :
dal qual cortile non solamentc si caverà commodità
della Entrata, ma de' lumi ancora commodillima-
mcnte. E quindi si vede che ciaseuno vorrebbe
avere un Cortile spazioso, grande, aperto, bello
e accommodate Ma alcuni si contentano d'un
solo Cortile : alcuni ne an voluti più, e gli an-
no cinti tutti a torno di altillìme mura, o ne anno
cinto una parte di alte, e una parte di più balte.
E vollero che in alcun luogo ftillino coperò, e
in altro seopertì, in altro una parte seopcrta e
l'altra coperta, in altro fecero loggie da un lato

suloj

lì O O K V.

whole cilate, but rather in the moll honoura-
ble, where he can uncontrolled enjoy all the
plealtucs and conveniencies of air, sun, and
fine proipects, go down easily at any time into
his eltate, receive llrangcrs handsomcly and spa-
ciuully, be seen by pailengcrs for a good Way
round, and have a view of some City, Towns,
the Sea, an open plain and the tops of some
known Hills and Mountains. Let him have the
delights of Gardens, and the divcrlions of fishino
and hunting dole under his eye. We have in
another place observed, that of the disferent
Members of a House, some belong to the whole
Family in general, others to a certain number
of pcrions in it, and others again only to one or
more pedoni separately. In our Counrry-house,
with regard to those members which belong to
the whole family in general, let us imitate the
Prince's Palace. Ecfore the door let there be a
large open (pace, for the exercizes either of chariot
or horle racing, much longer than a youth can
either draw a bow or throw a darti Within the
Houle, with regard to thole conveniencies neces-
sary for a number of pcrsons in the family, let
there not be wanting open places for walking,
swimming, and other diversions, Court-yards,
Grass-plots and Porticoes, where the Old men
may chat together in the kindly warmth of the
Sun in Winter, and where the Family may
divert themselves and enjoy the (hade in summer.
It is manifest sonie parts of the house are for the
family themselves, and others for the things ne-
cessary and useful to the family. The family
consilts of the following persons : the Husbandj
the Wife, their Children and Relations, and all
the different sorts of servants attendant upon
these ; besides which, Gueils too «are to be rec-
koned as part of the family. The things useful
to the family are provisions and all manner of
necellaries, suel) as Cloaths, Arms, Books, and
Horses also. The principal member of the whole
Building, is that which (whatever names others
may give it) I silali call the Court-yard with its
Portico : next to this is the Parlour, within this
the Bed-Chambers, and lallly the private Rooms
for the particular ulesofcach perion in the fa-
mily. The other Members of the House are suf-
ficiently known by their uses. The Court-yard
therefore is the principal Member, to which all
the other smaller Members muil correspond, as
being in a manner a publick market-place to the
whole House, which from this Court-yard de-
rives all the advantages of communication and
Ugh», For this reason every one desires to have his
° Court-

piao
loading ...