Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 53
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0077
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO TERZO.

5J

Che le sorti et Inoghi sono varie, & però non si debbe preflare cosi al primo sede a

ntjsuno luogo , [e prima tu non mi barai cavate n foanc, o citerne,

o pozzi, ma ne luoghi paludosi consicchinsi pertiche , & pali

abronzati capo piedi, con mazzi leggieri, ma con colpi

fpejjt j & continuati insino a tanto che e*

sieno tutti consitti,

CAP. III.

DIversamente adunque harai a operare nel fare i fondamenti, secondo la di-
versità de luoghi , de quali alcuno ne è rilevato, alcuno basso, alcuno i
mezzano infra quelti, come sono le spiaggie : Un' altro ancora sarà secco, &
arido , come il più delle volte sono i gioghi, & le cime de monti : alcun'
altro sarà tutto humido , & pregno, come i vicini al mare , & a gli {lagni,
o quelli , che son polli infra le valli : Un' altro è porto in modo, che egli
non è però secco del tutto, né sempre anco ila bagnato, come di loro natura
sono i Pendii come quelli , che le acque non vi si fermano , & non vi si cor-
rompono , ma cadendo alquanto sé ne scolano. In nessuno luogo non è da fi-
darsi cosi di subito trovato il pancone, che recusi il ferro: Percioche quelìo
potrebbe esser in una pianura, & esiere infermo, onde ne seguirebbe poi
gran danno , & rovina di tutta 1' opera . Io ho veduto una Torre pretto a Me-
itri Cartello de Venetiani, la quale dopo qualche anno che ella fu fatta , fo-
rato per il suo peso il terreno , sopra del quale ella era polla, sottile, & de-
bole (come dimollrò il fatto) si (otterrò -insino quasi alle merlature. Per il che
si debbono biasimare coloro, che poi che la natura non gli ha dato o porto
sotto un si fatto pancone , saldo , & ballante a reggere malsimamente edificii ,
i quali havendo trovata alcuna muriccia di antiche rovine , non la ricercano
sotto diligentemente, quale & quanta ella sia , ma alzano (opra di erta incon-
sideratamente altissime muraglie, & per avidità dello (pendere manco, gettano
via, & perdono dipoi tutta la muraglia: bene adunque sieno avvertiti , che la
prima cosa cavino i pozzi, & quello si per l'altre cose, si ancora perche e' si
vegga manifelto, qual sia ogni filone del terreno atto a reggere gli edificii,
o a rovinare ; Aggiuntoci che & trovata 1' acqua , & quello che di essi si ca-
verà , gioverà molto alle commodità di fare molte cose. Aggiuntoci ancora ,
eh' aperta di qui tale rispiratione arrecherà all' edificio fermezza sicura , & da
non elsere offesa dalle esalationi di sotterra . Per tanto o per il fare d' un poz-
zo , o di una citerna, o fogna , o qual' altra fosia tu ti voglia, conoseiuti i
filoni, che sotto terra si naseondono , si debbe eleggere quello che sia commo-
dilsimo più che gli altri, al quale tu debba fidare l'opera tua. Et ne luoghi
aperti, & in qualunque altro luogo , donde 1' acqua seorrendo porta (muove-
re , & portar via alcuna cosa, ti gioverà certo molto il farvi una profondirtima
fossa. Et che per la continuatione assìdua delle pioggie, elsi monti si dilavino,
& sieno rosi dalle acque, & si consumino 1' uno di più che l'altro, ne fanno
fede le caverne, & li scogli, che si veggono di giorno in giorno più espc-
ditamente, i quali per elTervi prima interposto il monte, non si seorgevano.
Monte Morello, che è sopra Firenze, a tempi de nollri Padri era verde
per 1' abbondanza di moiri Abeti, & hora è rimasto spogliato , & aspro, s'io
non m' inganno, per le dilavationi dell' acque . Ne (iti a pendio comandava
Iunio Columella, che noi cominciartimo i fondamenti dalla parte di sotto,
& dal luogo più basso, saviamente certo : Percioche oltra che le cose gitta-
tevi , & muratevi daranno sempre salde , & (labili ne luoghi loro , resilteranno
come un gagliardo pignone contro a quelle cose, le quali sé dipoi ti piacerti
d' accreseere 1' edificio, s' applicheranno alla parte di sopra . Accaderatti an-
cora che forsè quei difetti, che sogliono alcuna volta seguire in si fatti cava-

men-


loading ...