Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 55
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0081
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO TERZO.

55

grandi, cioè che non possono elser maneggiare a Ior voglia dalle mani citili
Huomini senza carniccio, palo, rullo, o rirati, & limili altre cose . Alcune
altre sono minute, le quali come ti piacerà , con una sola mano, si polsono
alzare, & maneggiare. La terza sorte di Pietre infra queite, che di grandezza,
& di pelo saranno mezane, si chiamano giuile . Bilògna che ogni Pietra sia
salda, & non lotosa , & bagnata bene: sé ella sarà salda, o fessa, te lo dimo-
ttrerà il suono che ne uitirà dal percuoterla . Non si bagnerà in luogo alcuno
meglio, che in fiume . Et è cosa chiara , che le Pietre mezane , non son ba-
gnate dalle acque a bastanza, sé non in capo a nove giorni, & le grandi più
tardi. Quelle che son cavate della cava di fresco , sono molto più commode
che le itantie ; & quelle che sono Hate una volta congiunte con la calcina ,
non amano di congiugnersi la seconda volta . Quello baiti delle Pietre. Vera-
mente che e' biasimano la calcina , & dicono che ella non è per elTere ga-
gliarda nelle opere, quella dico che porrata dalla fornace, non sarà di zolle
intere, ma disfatte , & quasi come polvere. Lodano quella che purgata dalle
fiamme biancheggia, & che è leggiere, & sonora , & che quando tu la spegni,
con assai scoppi faccia gran fumo , & forte , & che sé ne vadia in alto . A.
quella di sopra per non essere ella troppo possente, è cosa chiara , che bisogna
dare manco rena : Ma a quella più gagliarda ne bisogna dar più. Catone ordi-
nava che a ogni duoi piedi si delse una mina di calcina, & duoi di rena.
Et alcuni altri altrimenti, Vitruvio , & Plinio comandano, che la rena si me-
scoli in quello modo, cioè che per ogni ilaio di calcina, si dia tre staia di rena
di cava , & di quella di Fiume , & di Mare, duoi. Ultimamente dove secondo la
qualità, & natura delle Pietre (come di sorto diremo) la materia harà da es-
sere più liquida , o più trattabile, vaglili la rena con vagli ; ma dove la materia
harà da elTere più serrata, allhora si mescolino per metà con la rena , & ghiaia,
& minuti pezzami. Affermano tutti, che sé tu vi mescolerai la terza parte di
mattone peilo, sarà molto più tenace, ma mescolandola come tu ti voglia, e*
ti bisogna rimenarla bene di nuovo, & da capo, insino a tanto che i minu-
tissimi pezzolini si mescolino: & sono alcuni che per fare ciò, & mescolar-
la bene, la rimenano alsàilsimo tempo, & la pedano ne mortai. Et sia della
calcina ancora detto a bailanza, sé già a quello, che noi habbiamo detto,
non vi manca quello, cioè che la calcina fa miglior presa con le sue Pietre,
& mallimo con quelle che sono della medesima cava, che con le foreltiere.

Del sare i ridati da bussa , « sondamenti, secondo gli efemsi , iss gli avertimi/iti

dell'i Antichi.

CAP. V.

NEI fare i ricinti da basso , cioè nel finire i fondamenti insin sino al pia-
no del terreno , non truovo cosa alcuna che gli Antichi ci insegnino,
salvo che una, cioè che quelle Pietre, che saranno siate come dicemmo all' aria
duo anni, & che haranno seoperto mancamento, si debbon cacciare ne fonda-
menti . Percioche si come in 1' arte del soldo, gli infingardi, & i deboli che
non posiono sopportare il Sole, & la polvere, ne sono (non senza vergogna)
rimandati a cala loro, cosi ancora quelle Pietre tenere, & senza nervo, si
ributtano : aqcioche ignobili si riposino nel loro ocio primiero, & nella loro
usata ombra . Ancor che io trovo appresso gli hillorici, che gli Antichi calu-
marono nel piantare i detti fondamenti nel terreno , & si sforzarono con ogni
loro induslria, & diligentia , che la muraglia fusse quivi per ogni conto quan-
to più si poteva saldilsima, come in tutto il redo dell' altre mura. Asite Re
delli Egittii figliuolo di Nicerino, che fece quella legge che chi fulse preso per
debito, desse in pegno le ossa del Padre; Havendo a sare una Piramide di mat-
to-
loading ...