Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 62a
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0088
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
61

DELLA ARCHITETTURA

in modo, che elle converghino a piombo, & secondo il regolo, insierne
con l'altre corteccie del muro : Ma quelle alrre , imitando le cornici, spor.
geranno la fronte in fuora. Quelle cosi fatte Pietre, molto lunghe, & mol.
to larghe, si pongono con 1'archipenzolo; & si congiungono con j filari be-
nissimo, quasi che come portovi sopra un pavimento, si cuoprino le cole mu-
rate di sono in quello luogo la commettitura delle Pietre, quando e' si pone
di sopra qual si voglia ultima Pietra, si adatta , & commette talmente insieme
che il mezo di elsa, venga a punto su la commettitura delle due di sotto ; con-
trapesata la sua lunghezza da amendue le bande ( Twv. 6.}. La quale commet-
titura di Pietre , non elsendo da edere sprezzata per tutta la muraglia ; si de-
ve massìmamente olTervare ne ricinti. Io ho avertilo , che gli Antichi usa-
rono nelle opere amandorlate; tirarvi il ricinto, che fusie di cinque ordini
di mattoncini ; o non punto meno di tre , & che tutti, o almanco uno or-
dine , fune di Pietre , non più grolle che 1' altre , ma bene più lunghe, & più
larghe. Ma nelle muraglie ordinarie di mattoni, io ho veduto a ogni cinque
piedi , essere slati contenti in luogo di legatura , di uno ordine di mattoni di
grandezza di duoi piedi. Ho villo ancora chi ha sparse per le mura piatire di
piombo, molto lunghe, & molto larghe; secondo la grettezza del muro, ac-
ciò faccino legamento. Ma nel murare Pietre molto grandi, io veggo che e"
si sono contentati di ricinti più rari, anzi quasi solamente delle cornici. Nel
sare le cornici, perche quelle ancora ricingono la muraglia, con fermilsima le-
gatura ; bisogna non si far besfe d' alcuna di quelle cole , che noi habbiamo
dette insino a qui di elsi ricinti; cioè che in quelle non si metta Pietra alcu-
na che non sia lunghisfima, larghissima, & saldilsima; & si adattino con com-
mettitura continovata , & bene commessa ; spianati i filari secondo 1' archipen-
zolo , & ridottili, & pareggiatili con il regolo ; ciascuno secondo il suo biso-
gno : Et tanta maggior cura , & diligentia in ciò debbi porre ; quanto che le
ricingono 1' opera , in elso luogo, più atto a rovinare . I tetti ancora hanno
1' ufficio loro nelle mura ; & di qui è che e' dicono alle mura di mattoni cru-
di , favvi una cornice di mattoni cotti ; accioche dalla fine del tetto , o dalle
grondaie sé acqua alcuna vi cadette , non gli nuoca ; ma sieno difese dallo lpor-
tare in fuora d' elsa cornice. Et per quella cagione si debbe in qual si voglia
luogo di tutto il retlo del muro , avvertire , che la cornice gli siia quasi che
per tetto, ben murata, & sluccata per tutto; accioche ella scacci via tutte le
ingiurie delle pioggie. Bisogna considerare ancora, con quale afrbrzificamento,
& con quali sollegni sopra una saldezza di muro, si ritenghino, & si mettino
insieme molte Pietre . Et certo quando io considerò, e' mi pare che a fare
quello, la prin ipal cosa habbiamo bisogno della calcina. Ancora che secondo
me , non si debba congiugnere ogni Pietra con la calcina : Percioche i Marmi
nell' ellere tocchi dalla calcina , non solamente perdono la candidezza loro,
ma si macchiano di brutte , & sanguinose macchie : Tanta grande è la superbi»
d-Ila bianchezza nel Marmo, che a gran pena può sopportare altro che le slef-
so ; che pensi ? i fumi sdegna ; tocco da olio diventa pallido ; bagnato da vi-
no rollo, diventa pagonazzo ; sé è tocco da acqua cavata del legno del casta-
gno, insin dentro diventa nero, & si guaita talmente, che dette macchie, non
sé ne vanno per raderlo che si fàccia. Per quello gli Antichi usavano di met-
tere i Marmi nudi in opera quanto più potevano, lenza punto di calcina; m»
di quelli, ne diremo di poi.

9>i
loading ...