Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 77
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0109
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


DELLA ARCHITETTURA

DI

LEONBATISTA ALBERTI

LIBRO QUARTO.

DELLE OPERE UNIVERSA LI.

Che ne gli edisicii, o sieno finti satti per la necejsità della vita, o per V opportuni-'

ta de bìsogni, o per la dilettatane de' tempi ; Furono nondimeno ordinati per

cagione de gli buoniinì. Della varia dìvifione delle Republiche ap~

prejso diverge nationi. Cbe l ' htiomo per la ragione , & per la

cognìtione e' ha delle Arti, è disserente dalle besiie ; per il

che si diseerne disferentia, & di*versità infra gli buo*

mini, & parimente insra gli edisicii.

CAP. I.

E Gli è cosa manifesla, che gli edisicii sono (lati fatti per cagione de gli
huomini : Percioche sé noi andremo ben considerando, gli huomini in-
cominciarono a fare un' opera , mediante la quale difendemmo loro flelsi,
& le cose loro da tutte le male qualità de' tempi. Attesero dipoi anco-
ra , che non solamente quelle cose, che fussero necessarie alla salute loro ; ma che
tutte quelle ancora, che giovalTero a qual si voglino espedite commoditati,
rion si lasciassero in maniera alcuna indietro, Oltra quello avertiti, & allet-
tati in modo da la opportunità de le cose, vennero a quello, che eglieno
andarono esaminando, di fare gli edificii di maniera , che con elsi potelsino
adempier i loro diletti & i loro piaceri, Et quello costumarono 1' un dì più
che r altro , in modo che sé alcuno dicesie coli , cioè che gli edificii fulse-
ro flati fatti, alcuni per la necessità de la vita, alcuni per la opportunità de
bi sogni, & alcuni per i diletti de gli huomini, secondo i tempi; forsè di-
rebbe il vero, & bene. Ma quando noi andiamo guardando per tutto la
grande abbondanza, & varietà delli edificii, facilmente cognoseiamo, che tut-
ti gli edificii non solamente sono flati fatti per quelli bisogni ; o preparati
più per quella cagione, che per quella altra; ma ci aveggiamo , che le va-
rietà, & le tante sorti loro, sono principalmente nate da>la varietà de gli
huomini : Di modo che sé noi vorremo diligentemente esaminare ; si come
ordinammo le sorti loro, & le parti di elsi ; doviamo farci, & incominciare
ogni nostra invelligatione da quello ; cioè che noi doviamo primieramente con-
siderare molto accuratamente le nature de gli huomini, & in quello che
sieno differenti infra loro ; per cagione de quali si fanno gli edificii, & per
1' uso de quali, si variano ; accioche quindi riconoseiute tutte le cose, si trat-
ti di loro più didimamente . Raccontiamo adunque per quella cagione quel
che dello seompartire la multitudine delli huomini intendelsero i dottissìmi An-
tichi Fondatori delle Republiche, & delle Leggi . I quali con Audio, cura,
& diligentia, nel riesaminare, & diseorrere simili cose, si affaticarono acqui-
etando grandissìma lode delle cose da loro trovate. Dice Plutarco che Teseo di-
vise la Republica in huomini che crealsero, & esponessero le leggi Immane,
& divine ; & in altri che attendessero ad eiercitii manuali. Solone diiìribuì i
suoi Cittadini, secondo il modo, & la quantità de 1' eAimo, & de le richez.-
loading ...