Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 78
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0110
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
,8 DELLA ARCHITETTURA

modo che chi non ricoglieva da le sise possellioni trecento Rai.
j.-i..: „„.,„,,„r.,i-« ;„r,-, ; r.,„: s,;>.,j.'.,: ni; a.„„:„r. ___ *>

ze loro ; in

non era quasi da lui annoverato infra i suoi Cittadini. Gli Ateniesi

tennero nel

primo luogo quegli huomini, che erano ornati, & pieni di dottrina, & de j0
uso delle cose; & nel secondo luogo gli Oratori; & ne 1' ultimo gli Anima.
ni. Romulo separò da la Plebe, i Cavalieri,' & i Patritii. Ma il Re Nutra
divise la Plebe secondo le Arti. In Francia era la Plebe quasi come stiava; oli
altri, dice Cesare che erano o Soldati, o dediti a la Religione, o a gli i\u.
dii di Capienza, i quali si chiamavano Druidi. Apprelso a Pantei, i primi era-
no i Sacerdoti, i secondi gli Agricultori, & i terzi erano i Soldati, con i
quali erano i Pallori, & i guardiani de Iiestiami. Gli Inghilesi si dividevano in
quattro ordini: i primi erano quelli, de quali si facevano i Re, gli altri i Sa-
cerdoti ; nel terzo luogo i Soldati, & ne I' ultimo la Plebe . Gli Egittii die-
dero il primo grado a Sacerdoti ; il secondo a Re , & a Prefetti ; nel terzo
luogo posero i Soldati , & la moltitudine altresi divisono diversamenrc infra A-
gricultori, & Pallori , & Artefici ; & come dice ancora Erodoto infra Merce-
nari! , & Barcaruoli. Raccontano, che Ippodamo divise ancora egli la sua Re-
publica in tre parti; Artefici, Agricultori, & Soldati. E' pare che Annotile
non biasìmalTè coloro che Impararono da la moltitudine alcuni huomini più de-
gni , che con il consiglio , con i Magistrati, & con i giudicii, havessìno ad
elser sopra de gli altri, & che divisero il reltante de la Plebe, infra Agricul-
tori, Artigiani, Mercatanti, Mercenari, Cavalieri, Pedoni, & Turba Nava-
le . Non troppo quasi diramile a quella , secondo che di Diodoro hiltorìco si
cava, fu la Republica de gli Indiani ; percioche egli hebbono i Sacerdoti,
gli Agricultori, i Pallori, gli Artefici, i Soldati, i Presidenti, & quelli che e-
rano sopra i consigli pubblici. Platone dille, che una Republica era hor paci-
fica , & desiderosa de la quiete , & del riposo ; & hora armigera, & volonte-
rosa, secondo che erano gli animi di chi la governava. Et divise tutta la mol-
titudine de Cittadini, da le parti de lo animo; una parte fece di coloro,
che con ragione , & consiglio moderavano il tutto ; & 1* altra di coloro , che
con le armi rimovevano le ingiurie : Et la terza di coloro, che ne porgeva-
no ; & minillravano i nutrimenti, con i quali i Padri, & i Soldati si loltcn-
tavano. Quelle cose ho io brevissìmamente raccolte, cavate da molti serini de
gli Antichi; le quali mi pare che mi avvertisehino, talmente che io habbia a
conoseere che le cose, che io ho raccolte, son tutte parti di Republichej
& che io debba anco giudicare che ciaseuna di loro debba havere il luo
particolare modo dell] edificii. Ma accioche secondo il collume nollro, noi
trattiamo di ciò più didimamente ; haremo piacere di diseorrere in quella manie-
ra . Se alcuno havesse a separare in alcune parti il numero de mortali , 1-
prima cosa , che cadrebbe in la mente di coltiti, sarebbe quella : Principalmen-
te e' conoseerebbe che e' non è il medesimo, considerare gli habiratori di al-
cuna provincia come tutti insicme ; & il consederargli come separati , & dittimi
in parti: Secondariamente, contemplando egli la natura loro, non si avedr»
egli in qual cosa e'saranno più che in altra differenti; onde quindi poli»
pigliare le occasioni del separarli in parri ? Ma e' non è cosa alcuna , per 1»
quale l'huomo Ila più differente da 1' huomo , che quella sola, mediante 1*
quale egli è molto lontano dal genere de le beltie; cioè la ragione, & la co-
gnitione de le buone arti ; & aggiugm'ci le tu vuoi, la prosperità de la sortu-
na . De le quali tutte doti, pochi sono infra mortali , che ne sieno interamen-
te dotati, & in esfe eccellenti. Apriraccilì di qui adunque la noltra prima divi*
l'ione, cioè che noi ne fagliamo di tutta la moltitudine alquanti, alcuni de
quali sieno illultri, mediante la loro sapienza, consiglio, & ingegno: Alcuni
altri approvati mediante 1' uso, & la notitia de le cose: & altri sieno cele-
brati per la copia de le ricchezze, & per la abbondanza de beni di fortuna.
Et chi negherà, che a costoro non li debbino dare a cura le principali parti

de


loading ...