Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 81
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0113
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
' sittili.

LIBRO QUARTO.

Si

di andare fuori per alcuna cola nccelsaria : & sia afforzificato in tal modo il
circuito de suoi confini, che dal nimico non vi si polsa entrare cosi facilmen-
te , & che ella polsa a sua polla mettere fuora eserciti ne le provincie d' al-
tri, & contro a la voglia del nimico. Imperoche egli asfermano che una Cit-
tà coli collocata, può difender sé, & la liberta sua , & allargarli molto d' im-
perio . Ma che dirò io qui? Quella lode principalmente è attribuita a lo Egit-
to, cioè che egli sia da ogni banda oltre a modo affortificato , & quasi del
tutto inaccessibile : conciosia che da un lato habbia opposta la marina , & da
1' altro un disetto grandilsimo, da la delira ripidilsimi Monti, & da la Anidra
Paludi larghilsimc . Oltre a che la fertilità del terreno vi è tanta, che gli Antichi
dilsono , che lo Egitto era un publico granaio del Mondo : Et che gli Dii
erano soliti rifuggire in quel luogo, per recreatione, & sallite de gli animi lo-
ro . Non avenne niente dimeno, secondo che scrive Giosefo ( benché quella
regione fulse tanto forte , & tanto abbondante , che ella si glorialse di potere
dare da mangiare a tutto il Mondo, & ricevere , & albergare, & salvare elsi
Dii) che ella fulse però in ogni età libera. Ben dicono adunque coloro il ve-
ro , che favoleggiando dicono che le cose de Mortali non sono sicure, sé bene
in grembo a elso Giove. Et però ci parerà immitare quella rispoda di Platone,
il quale esssendo dimandato in qual luogo si potria trovare quella preclara Cit-
tà , che egli s' era immaginata ; Noi , rispose, non siamo iti dietro a quello, ma
siamo iti investigando , in qual modo sé ne potesse fare una migliore di tutte
l'altre: tu anteporrai quella a rutte l'altre, che manco si discolterà da la si-
militudine di quella. Cosi ancor noi, quasi che adducendo esempi, deserivamo
quella Città, la quale da gli huomini dottislimi sia per elser giudicata per ogni
conto da dovere elsere commodilsima : accommodandoci ne le altre cose al tem-
po, & a le necesTità de le cose , terremo quella oppenione di Socrate di giu-
dicare che quella cosa, che da per sé dia di maniera che ella non si polsa
mutare sé non in peggio, sia veramente la migliore. Et per tanto noi de-
liberiamo , che la Città debba elsere Talmente fatta , che e' non vi sia incom-
modità alcuna, di quelle che noi raccontammo nel primo libro, & che non vi
manchi cosa alcuna , che alla necessità de la vita si desideri. Habbia la campa-
gna sanilsnna, larghissima , varia , amena, fertile , forte, ripiena , & ornata
d' ogni abbondantia di frutti, & abbondantilsima d' acque. Sianovi fiumare,
laghi, aperta la via di Mare, donde commodilsimamente si polsmo condur den-
tro le cose, che mancano, & mandar fuori quelle che avanzano-. Tutte le co-
se finalmente porgeranno aiuto a lo dabilire, & a Io accreseere eccellentemen-
te & le cose civili , & le armi , con le quali elsa Città polsa porgere aiuto a
suoi , ornamenti a sé stelsa , diletto a gli amici, & a rumici (pavento. Et cre-
derò che quella Città la faccia bene, che a dispetto del nimico polsa coltivare
una gran parte del suo terreno . Bisogna finalmente che la tua Città sia colloca-
ta nel mezo de la campagna in luogo che la polsa sguardare a lo intorno il luo
paese per tutto, & diseernere le cose opportune, & elsere preda dove la neces-
sirà lo ricerchi ; Donde il Contadino , & lo Aratore posia continovamente u-
seire a lavorare, & tornare ancora in uno insinite dal campo, carico di frutti,
& di ricolte. Ma importa grandissimamente porla o nella pianura spazzata ,
o sopra il lito, o ne monti; Conciosia che in qual s'è l'uno di quesli luoghi,
vi sono alcune cose che ti andrebbono a 1' animo, & alcune ancora , che non
li piacerebbono . Nel condurre Dionisio lo esserato per la India, sé gli am-
malò per il caldo ; onde lo ridusse a monti ; per il che, presa in uno insran-
te di quella aria sanissima, ritornò subito sano. Quegli che primi collocarono
le Città su per i Monti, pare che lo facessino, perche e' conoscelsuio di do-
vere dare in simil luoghi, molto più che altrove sicuri ; ma egli vi hanno care-
dia de le acque : La pianura ti prederà commodità grandissima d' acque , & di
siumare ; ma ella è coperta d' aria più grassa, onde la State vi saranno caldi

L stem*
loading ...