Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 91
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0123
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


LIBRO QUARTO.



luogo

ni»

mente si debbe (ituarc in sito facilissimo da finirlo con non grandirtima spesa ,
& da sperare , che egli habbia quasi ad esservi eterno . Debbesi adunque eleg-
gere un guado, che non sia de più profondi, né de più seoseesi ; che non fi
vadia variando, né movendo ; ma stia uguale sempre , & da durare. Debbonsi
fuggire i ritrosi de le acque, gli avolgimenti , le voragini, & cose simili, che
ne cattivi siumi si truovano. Debbonsi ancora principalmente schifare i gomiti
de le ripe, & gli avolgimenti de le acque, si per molte cagioni (essendo le ri-
pe certamente in questo luogo molto sottopolle al rovinare) si ancora perche
i legnami, i tronconi, & gli alberi, che de la campagna levati son portati giù
da la piena, non polTòno partire per elsi gomiti a diritto, per cammino e-
lpedito: ma si attraversano, & si aviluppano impedendosi l'uno l'altro: & ac-
costansi a le Pile, fanno una grandislima malsa, onde riturate le vie, gli ar-
chi de Ponti vanno sotto; di maniera che tale edificio per il pondo de le
impetuosilsime acque si guaita , & si rovina. Ma de Ponti ne sono alcuni di
Pietra, alcuni di Legname. Diremo prima di quelli, che si fanno di legno,
come più facili a metterli in opera ; Dipoi palleremo a trattare di quegli che
si fanno di Pietra . Bisogna che amenduoi sieno fortilsimi . Quello che fia di
legname adunque si aifortifìcherà con grande , & gagliarda abbondanza di le-
gnami; & che tal cosa si conseguisea eccellentemente, ne darà grandilsimo aiu-
to il Ponte di Cesare . Il quale ne insegnò il modo di farlo in queita maniera.
P.gli congiugneva insieme duoi legni diseosto l'uno da l'altro duoi piedi
(mìsurati a l'altezza del fiume) grolsi tre quarti di braccio, & auzzati al-
quanto da basso ; Quelli metteva egli nel fiume con certi inllrumenti ficcando-
li a castello, non diritti a piombo a guisa di pertiche, ma a pendio, ritiran-
doli alquanto di sopra che pendessino secondo il corio del fiume. Rincontro
a quelli dipoi ne ficcava duoi altri, congiunti insieme nel medesimo modo,
con intervallo da basso di quaranta piedi; volti contro la forza, & l'im-
peto de la acqua, fìtti l'uno, & 1' altro di quelli, cosi come noi habbiamo
detto, gli congiugneva insieme, mettendovi sopra travi grolse duoi piedi, lun-
ghe , quanto era la distantia di elsi confitti legni. Qiielte cosi portevi travi e-
rano da la parte di fuori soltenute da due legature , le quali aggirate attor-
no , & in la contraria parte ripiegate, era tanta la fortezza de la opera , &
tale la natura di tali cose , che quanto maggiore vi si fusse incitato 1' impeto
de le acque, tanto più Inettamente le travi portevi sopra si serravano insie-
me . Sopra quelìe portevi altre legne, si intrecciavano, & vi si faceva l'o-
pra un piano di pertiche, & di graticci. In un medefimo tempo si mettevano
da la parte di sotto del fiume alcune travi più sonili a pendio, le quali po-
rtevi in cambio di Ariete, & congiunte con tutto 1' edificio , resilìertìno a
l'impeto del fiume. Et si mettevano altre travi ancora con mediocre inter-
vallo da lato di sopra del Ponte, che avanzavano di poco l'altezza del fiu-
me , accioche sé da i nimici fussino mandati o tronconi di arbori, o navi
giù per il fiume , per rovinare detto Ponte , si seemasse , mediante la defen-
lione di dette travi, la violenza delle dette cose , & non potessino nuocere
al Ponte. Quelle cose ne insegnò Cesare. Né sarà fuor di proposito, quel-
lo che e' cortumarono presso a Verona, di lastricare i Ponti di legno, di
verghe di ferro, & malsimo da quella parte dove hanno da passarc le car-
rette , & carri. Rellaci a trattare del Ponte che si fa di Pietre, le parti
del quale sono quelle: I fianchi de le ripe, le Pile, le Volte, & la lartri-
c.itura. Infra i fianchi de le ripe, & le Pile vi è quella differéntia, che
i fianchi bisogna che sieno oltra modo gagliardilsnui, atti non solamente a
{ottenere; il peso de gli archi portivi l'opra, come le Pile, ma che sieno
molto più gagliardi a sostenere le teste del Ponte, & a reggere contro al
pondo de gli archi; di maniera che non si aprino in luogo alcuno. Deb-
bonsi adunque andare scegliendo le rive, o più pretto le ripe di Pietra,

M 2 con-
loading ...