Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 106
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0140
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
101?

DELLA ARCHITETTURA

Di che cose Jìa concertata la Republica: In che luogo, ér in che modo debbino ,fc
fatte le Case di quei, che governano le Reptibliche , & in che modo
quelle de Pontefici. De Tempii principali, & de medio-
cri. De le Cappellate, & de Tabernacoli.

CAP. VI.

RElìaci a trattare di quelle cose, che si aspettano a coloro , che sono non pur
un sole», ma più insieme, a un governo. Colforo , o egli haranno come un
solo Magistrato che habbia totalmente la cura di tutta la Republica con autorità
alsoluta , o la detta autorità sarà diitribuita in più parti. La Republica è un con-
serto di cose sacre, mediante le quali adoriamo Dio, de le quali ne hanno li
cura i Pontefici, & di cose secolari, mediante le quali si mantiene insieme il
commercio, & la salute de gli huomini, la cura de quali hanno ne la Città i
Senatori, & i Giudici, & fuori, i Capitani de gli eserciti, & de le armate, &
slirtili. A qual s' è 1' uno di quelli, si aspettano duoi modi di habitationi, l'u.
no che s' appartenga al Magisirato, in che e' si truova. V altro dove gli hab-
bia a Ilare egli Itelso con la sua famiglia. Debbe ciaseuno veramente havere la
sua habitatione simile a quella vita eh'e'vuole tenere, o da Re, o da Principe
nuovo, o pur finalmente da privato. Conciona che sono alcune cose, che mol-
to si convengono a quella sorte di huomini, & ben dille Virgilio, che la casa
di Anchise era in luogo separato , e coperta da gli alberi, intendendo che le
case de gli huomini principali, per suo rispetto, & de la sua famiglia, debbo-
no eller lontane da la ignobiltà del Vulgo, & dal romore de le botteghe,
si per amor de le altre cose, & per la dilicatezza , & commodità , di esiere
a largo, de li orti, & de luoghi ameni, si ancora, accioche infra si gran
famiglia , di tante sorti, tanto varia, la licentiosa Gioventù , atteso che la mag-
giore parte de gli huomini si guadano più torto del Vino di fuori, che di
quel di casa, non vadia eccitando i cordogli de Mariti : Si ancora accio-
che la maledetta ambinone di chi avenga a visitare, non tolga la quiete a
Padroni . Et ho villo che i Principi savi non solamente si son polli fuori
del concorso del vulgo, ma fuori de la Città ancora, accioche i Plebei
con la loro assiduità non gli sieno molesti, sé non spinti da una neces-
sità grandisfima. Et certo che gioveranno a colloro le loro tante ricchezze,
sé e' non potranno alcuna volta ììarsi in ozio, & in riposo ? Le case
niente dimeno di coltoro, sieno qualmente elle si voglino, bisogna che hab-
bino danze capacissime, dove si ricevino coloro, che vengono a visitarli, &
la useita, e la strada che va a Palazzo non vuole essere stretta, accioche
que' di casa , i clientoli, & que' di corte, & quelli che per fare più numero
poi vi si intromettono, ne lo asfrettarli de lo accompagnare il Padrone, non si
pellino 1' uno l'altro, nel fare confusione . Ma quali sieno gli edificii dove i Ma-
gillrati habbino a esercitare i loro osficii, si sanno. I Senatori ne la audienzadel
Palazzo, i Giudici a Tribunali, & al Palazzo . Il Capitano degli eserciti in campo,
overo su l'armata. Ma che direm noi del Pontefice ? a costui s' aspetta non sola-
mente il Tempio, ma i Chioslri anchora , che servono come per alloggiamenti de
Soldati ; Conciosia che il Pontefice, & quelli che sono sottopoiìi al Pontesice, a
mimìlrare le cose sacre , si esercitano in una acerba , & faticosa militia, qua;
le è quella che noi raccontammo in quel libro , che si chiama il Pontefice,
cioè de la virtù contro a vitii. De Tempii ne sono alcuni grandi, come
quello , nel quale il Sommo Pontefice suole celebrar solennemcnte alcune de-
terminate cerimonie , & sacrificii solenni. Altri ne sono in cura di Sacerdoti
minori, come per le ragioni delle Città sono le Chiesicciuole , & a la campa-
gna i Tabernacoli . Il Tempio principale sarà forsè più commodo nel mez°
de la Città , che altrove : Ma separato alquanto da la speiTa moltitudine, &

fre-
loading ...