Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 110
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0144
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ne

DELLA ARCHITETTURA

so de gli Diì, quanto ancora per la benignità di tali luoghi, si risanassino piu
pretto : & non è maraviglia le sopra ogni altra cola noi delidereremo, che j
luoghi dove s' habbino a tenere gli ammalati, o pubicamente, o privatamente
fussìno sanissimi, & a quello effetto saranno forsè a proposito i luoghi asciutti]
& salsosi , & agitati continovamente da venti , & non abbruciati da Soli, mj
illuminati di Soli temperati ; conciosia che gli humidi sieno fomenti di putredi.
ne . Ma ella è cosa manifeiìa , che la natura in ogni cosa gode del tempera.
mento, anzi non è altro la lanità , che uno temperamento di complessione, &
le cole mediocri sempre dilettano. In altre cole gli infermi de le infermità,
che si apiccano, si debbono tenere non solamente fuori de la Città , ma lon-
tani ancora da le strade maestre . Gli altri si tenghino ne la Città . Le stanze
per tutti coltoro , si debbono scompartire , & diltribuire in modo , che altro-
ve stieno gli infermi da guarire ; & altrove que' che tu ricevessì piu tolto per
guardargli , che per guarirgli, fino a tanto che dura il loro dellino , come so-
no i decrepiti, & i pazzi . Aggiugni che in altri luoghi debbono Ilare le
Donne, & in altro gli Huomini, & cosi o vuoi gli infermi, o pure coloro,
che gli governano, vogliono haver slanze separate . Aggiugni ancora, che li
come a servitori, cosi ancora a costoro bi sogna che siano adattate ad altri altre
stanze , alcune piu secrete, & alcune piu communi, secondo che ti inoltrerà
il bisogno, & il modo di governare, & de l'habitare insieme. De le quali co-
le non è noslra intentione trattar al presente piu lungamente . Quello lòlo fac-
cia a proposito , che tutte quelle cose , in tutte le loro parti debbono essere dif-
finite da Disogni de privati. Et di loro sia detto a bastanza. Seguiteremo al pre-
lente quel che ci reità con quello ordine, che noi havevamo incominciato.

Del Palazzo principali, de Senatori, lei Tribunale le le Sententie, del Tempi»,

6" del Palazzo , dove si amminisira lusiitìa , iss (bt cofe mi

Jlieno bene , é" commode.

C A P. IX.

HAvendo noi detto che le parti de la Republica sono due, cioè una Eccle-
sialtica , & 1' altra Secolare , & essendolì trattato de la Ecclesialtica a ba-
stanza , & de la Secolare ancora in gran parte in quel luogo, dove noi dila-
tammo che si haveva a ragunare il Senato , & dove si havevano a dare le seri-
tentie in le case del Principe ; Racconteremo al presente in quello luogo bre-
vilsimamentc quelle cose che ci paiono necesiarie di aggiugnere a quelle. Dipoi
palseremo a trattare de gli alloggiamenti de Capitani per terra , & de le Armate
per acqua ; & a la fine poi tratteremo de le case de privati. Gli Antichi uh-
vano ragunare il Senato ne le Chiese ; Dipoi venne una usanza , che si ragunal-
se fuori de la Città . Ultimamente rispetto a la maiellà, & al giovar a le co-
le, che si havevano a fare, vollono che si edificalsero edificii a quello efferto
l'olo ; Da quali i vecchi Padri né per la lor lunga età si spaventassero, né ris-
petto a la incommodità del luogo si ritenessero di non vi andare continova-
mente , & di non vi badare aitai ; & per quello collocarono in mezo de 'a
Città il Palazzo principale, & aliatoli il Tribunale de le sententie , & il Tem-
pio ancora giudicarono che vi stesTe bene vicino, non solamente per quello,
cioè, perche coloro che vanno dietro a 1'ambitione , & coloro che sono occu-
pati intorno a litigii, pollino con più commodità, senza perdere tempo, o oc-
casione alcuna, attendere a 1'una cosa, & a l'altra: Ma per quello ancora,
cioè che elsi Padri ( come fanno sempre coloro che sono piu vecchi, ess'cndo
molto pia che gli altri dediti a la Religione ) entrati prima in Chiesa a loro
devotioni , si portino trasferire senza intermisfione di tempo commodamente *
le faccende . Aggiugni che sé alcuni Imbasciadori, o Principi foreltieri ricercai-

sui»
loading ...