Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 143
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0177
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
—v

l

in
grandìsslmì

iccola per.
'Hono

una
,ella

LIBRO SESTO.

M3

Dr /ir Ruote, Perni, Stanghe, o Manovelle, Taglie: & de la grandezza, forma ,
& si&Hra l°r0 •

CAP. VII.

MA essendoci oltre a quelle molte altre cose, buone a bisogni nostri, come
sono ruote , taglie, viti , & stanghe, doviamo di esse trattare più accu-
ratamente . Sono certamente le ruote in gran parte molto Cimili a curri : per-
cioche Tempre da un sol punto a piombo premono a lo in giù : Ma ecci eme-
tta differenza che i curri sono più espediti, & le ruote per l'infragnervili den-
tro il perno , fanno 1' officio loro più tardo . Le parti de le ruote sono tre ,
il circuito maggiore di fuori di ella ruota, il perno del mezo, & quel buco,
dove entra il perno . Quello perno alcuni forsè lo chiameranno il polo , ma a
noi, percioche egli in alcuni instrumenti Ita saldo, & in alcuni altri si gira, da
lecito il chiamarlo perno . Se la ruota si girerà l'opra uno perno grosso , si gi-
rerà con fatica; le intorno ad un sonile, non reggerà a peli; sé il circuito di
fuori di elsa ruota sarà tiretto, si come dicemmo de curri , si ficcherà nel pia-
no ; le sarà largo, andrà vagellando hor da una parte , & hora da 1* altra ; &
sé peraventura le ruote si haranno a {volgere o da delira, o da sinillra, ob-
bediranno malagevolmente: le il cerchio in che si gira il perno, sarà largo più
che il bisogno, rodendo egli sé n* esee; sé troppo ilretto , non gira: infra il
perno , & il cerchio in che ei si volge bisogna che sia un mezzano che lo lu-
brichi , perche 1' uno di quelli serve pet il piano, & 1' altro per il fondo del
pelo. I curri, & le ruote si fanno d' olmo, & di leccio . I perni d' agrifoglio ,
& di corniolo , o più predo di ferro : il miglior cerchio di tutti gli altri in
cui si gira il perno, si fa di rame mescolatovi un terzo di itagno ; le girelle
sono ruote piccole : le stanghe, o manovelle sono de la spetie de razi de le
ruote . Ma tutte quelle cose qualunque elle sieno , o siano ruote grandi volte
da gli huomini con lo andarvi dentro , o siano argani, o viti , ne quali instru-
menti le stanghe, o ruote piccole, o qual si voglia cosa simile , sono la impor-
tanza , la ragione del farle certo tutta nasee da principii de la bilancia . Dico-
no che Mercurio per quello più che per altro fu tenuto divino, che lenza
fai.e gello alcuno di mani, pronuntiava con le parole sole , quelle cose, che
ei diceva , di maniera, che egli era inteso larghissimamente : & sé bene io du-
bito di non potere fare quello,- io me ne sforzerò nondimeno quanto più po-
trò : Conciosia che io mi sono deliberato di parlare di quelle cose, non co-
me Mathematico, ma come uno artier, & non dire sé non quello, che a me
paia di non potere lasciare indietro . Fa per imparare quello di havere in ma-
no uno dardo : Io vorrei, che in esso tu vi considerassi tre luoghi, i quali io
chiamo punti, i duoi estremi capi, cioè il ferro , & la impennatura ; & il
terzo il laccio del mezo ; & i duoi spatii, che sono infra duoi estremi capi,
& il laccio io gli chiamo raggi. Non voglio disputare, perche cosi sia; Percio-
che il fatto sarà chiaro da la esperienza . Conciosia che sé il laccio larà collo-
cato nel mezo del dardo, & il capo de la impennatura corrisponderà al peso
del capo del ferro, staranno certamente amendue le telle del dardo lcambievol-
mente uguali, & bilanciate (Tiro. io. A) : Ma sé per avventura la testa del fer-
ro sarà più grave, l'altra de la impennatura sarà superata (Tarn. io. B): non-
dimeno in esso dardo si troverà uno determinato luogo più vicino a la testa più
grave, nel quale riducendo tu il laccio, i peli subito si bilanceranno l'uno l'al-
tro ; & quello sarà quello punto dal quale questo raggio maggiore sopravanza
tanto il minore, quanto questo peso minore è avanzato dal maggiore. Percioche
coloro, che vanno dietro a quelle cose , hanno trovato , che i raggi disuguali
si aggiustano con pesi disuguali, purché i numeri de le parti, che si moltipli-
cano inlìeme, da il raggio, & da il peso del lato deliro, corrispondino ad al-
tre
loading ...