Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 169
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0233
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO SETTIMO. ,^9

Alcuni altri secondo il dileguo, che io ho cavato de li edificii antichi, feciono
il capitello Dorico alto tre quarti de la grolTezza de la colonna da ballo, & lo
divisono in undici parti, de le quali ne allignarono quattro a la cimala, &

Quattro al bottaccio, & tre al collo del capitello; dipoi divisono detta cimasain
uè parti, de le quali ne alsegnarono 1'una di sopra a la goletta, & l'altra di
sotto a una faseia : il bottaccio ancora divisono in due parti, la più balsa de
le quali alsegnarono a gli anelli, o ad una goletta, che accerchiane di sotto il
bottaccio. Et nel collo altri intagliarono rose, & altri fogliami, che sportassìno
in fuori. Quello è il modo de Dorici . 11 capitello Ionico faremo in quello
modo : tutta 1' altezza del capitello sarà per la metà de la grolTezza da balso
de la colonna ; divideremo quella altezza in dicianove parti, tre de le quali ne
daremo a la cimasa, a la grolTezza del cartoccio ne daremo quattro, & al
bottaccio ne daremo sei, & l'altre sei dabalso lasceremo a le rivolte de cartoc-
ci che di qua & di là saranno i cartocci nel pendere giù a balso ; la larghezza
de la cimasa da ogni banda sarà quanto il diametro da capo de la sua colon-
na ; la larghezza del cartoccio che sarà dal dinanzi al di dietro del capitello ,
sarà uguale a la cimasa ; la lunghezza di elso cartoccio cadrà da lati, & spen-
zolerà accartocciandosi a guisa di linea a chiocciola; il punto del cartoccio
del lato deliro sia discollo dal punro del cartoccio del lato smillro trenta-
due parti, & da la più alta parte de la cimasa sia diseosto le dodici parti :
il quale cartoccio si faccia in quello modo ; dal punto di detto cartoccio di-
segna un cerchiolino piccolo , che il suo mezo diametro sia una de le det-
te parti cioè 1' occhio del cartoccio, & a rincontro segnane un' altro di
sotto, & di poi di sopra ne segna un' altro altrettanto lontano, & coli
ne segna un' altro dal lato di sotto. Poni di poi nel punto notato sopra
1 ' occhio un pie de le selle fermo, & apri le selle sino a la linea di so-
pra de la cimasa, che è termine infra la cimasa, & il cartoccio, & gira
dal lato di fuora del capitello talmente le sede , che tu facci uno intero me-
zo cerchio, & finisea apunto a rincontro al punto dell' occhio da lato difet-
to ; & quivi poi riilrigni le sede, & metti il pie fermo di esse nel punto di sotto
a l'occhio, & il pie mobile sino a la cominciata linea rivolta cioè a quel mezo
cerchio già fatto , & sagli con elso al disopra insino a che tu tocchi il labbro
disopra del bottaccio; & cosi con duoi mezi cerchi disuguali, harai dato a tor-
no a torno una volta intera. Dipoi ricomincia a ripliare il girar cosi fatto, & il
cartoccio , & gira a quello modo insino all' occhio cioè insino a quel cerchio
piccolo del mezo. Al labbro del bottaccio si darà tanto aggetto, che con la sua
iella esea fuori del cartoccio due parti, & da là parte di sotto sia apunto quan-
to è groisa la colonna da capo ; il ritirarli dentro de cartocci dove li congiugne
il cartoccio dinanzi a quello di dietro , ne fianchi del capitello , si ridurrà tal-
mente che e' sia quanto il bottaccio, & una meza parte de le dicianove dette;
alla cimala si aggiugnerà per ornamento una goletta d' una di dette parti ; nella
grossezza del cartoccio si tara un canaletto per una meza de le dette parti, & a
quello canaletto la intaccatura che vi sarà, ("ara larga per il quarto di detto cana-
letto , nel mezo de la fronte per il canaletto si intaglieranno frondi, & senii in
quella parte del bottaccio, che apparisee fuori: ne le teile dinanzi del capitello
fanno vuovoli, & sotto gli vuovoli de le coccole, & ne ritiramenti da gli lati
de cartocci intagliano foglie, o scaglie. Cosi fatto adunque è il capitello Ionico.
Ma il capitello Corinthio è alto ' per una grolTezza de la colonna da ballo :
tutta quelta altezza si dividerà in sette parti, a la cimasa sé ne alTegnerà una
di dette parti, il rellante è occupato da la altezza de la campana che da bas-
so è apunto tanto larga quanto è il da capo de la colonna senza gli aggetti ;
& il labro di detta campana con la larghezza da capo sua è uguale a la mag-
giore grossezza del da pie de la colonna. La larghezza de la cimasa è dieci
de le assegnate parti, ma i canti si spuntano da ogni banda una meza parte :

y le




loading ...