Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 190
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0292
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I£0

DELLA ARCHITETTURA

DI
LEON BATISTA ALBERTI

LIBRO OTTAVO.

De II ' ornamento de le n>'<e maejlre dentro o suori de la Citta : dove si bahhim
Sotterrare , o abbruciare i corpi morti.

CAP. I.

IN altro luogo riabbiamo discorso, che gli adornamenti che si applicano alle
opere, giovano grandissimamente alla Architettura, &è assai manifello die
i medesimi adornamenti non fianno bene in tutti gli edisicii . Percioche e' si
debbe usare in ogni arte, ogni industria, & ogni fatica in fare che le ope-
re siere , & massimo publiche sieno ornatillìme , come quelle che si fanno pei
li Dii, dove le secolari non si fanno sé non per gli huomini. Le cose men de-
gne adunque debbono cedere alle più degne ; nondimeno esse ancora si adorne-
ranno de le loro parti, de loro addornamenti : & habbiamo nel passato libro
racconto come habbino a esser fatti gli edificii sacri publichi, & con che ma-
niera: hora ci retta a trattare de gli edificii kcolari; andremo esplicando adun-
que quali adornamenti si debbino assegnare a qual s'è uno di loro. Primiera-
mente io penso che la slrada sia cosa publica, conciosia eh' ella è ordinata per
cagione de Cittadini, e per commodità ancora de forestieri : ma perche de vian-
danti ne sono alcuni, che vanno per terra, & alcuni che si fanno portare pet
acqua, tratteremo di amenduoi. Vorrei che tu ti ricordali! che altrove ti dilli,
che de le Itrade alcune ne sono maestre, & alcune nò , & in oltre che altri-
menti haveva a elsere la llrada ne la Citta, & altrimenti ne la campagna; la
strada maestra nella campagna riceverà grandissimo ornamento da essa campagna,
nella qual ella si troverà , sé detta campagna sarà cultivata , seminata, piena di
vill.igi, & di «abitazioni, & sé ella sarà abbondante di molte cose piacevoli;
sé vi sarà hora il mare , hora i monti, hora un fiume, hora un fonte, hora
un terreno arido, & una rupe, hora una pianura, hora un boseo, o una val-
le; non iarà piccolo addornamento s'ella non sarà alla china, o difficile al sa-
Urla, o sporca , ma per dire cosi , sé ella sarà vaga & piana, & spatiosa, &.»'
perta por tutto: & che non feciono gli Antichi per ottenere quelle tali coli.
lo non Ilo a raccontare che e" lastricarono strade dì cento miglia con Pietre àis
ridirne, alzandovi sotto un piano di grandislime Pietre. Lastricarono la via Ap-
pia da Roma sino a Brindisi. Veggonsi in molti luoghi per tutte le slrade mae-
itre rupe di Pietra tagliata, monti sghembati , colline forate, valli ripiene co»
incredibile spesa , & miracolo de le opere; le quali cose certo son tutte »
utili, & honorevoli. Oltra di quello arrecheranno ornamento grandinìi"0 > 'e
vi saranno cose che a viandanti, che per esse passeranno, porghino occasione *
diseorsi , & massimo di cole degne . Uno amico , o compagno che lappia rag10'
nare di assai cole (diceva Laberio) serve quali per una lettiga in un viagg^j
& certamente che nel ragionare si seema assai del falìidio, che 1' huomo ha «
cavalcare . Per la qual cosa havendo io fempre molto riverita la prudenti»
nostri maggiori , si in tutti gli altri loro ordini, si ancora gli lodo gn"

cavalcare . Per la qual cosa havendo io sempre molto riverita la Prua-cntlrfc
noftri maggiori , si in tutti gli altri loro ordini, fi ancora gli lodo J
mamentc, per haver trovato quel che noi diremo adelso ( ancor che la int,e""

loro
loading ...