Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 193
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0295
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
che

sot-

LIBRO OTTAVO. ,,,

sotterrassino ancora gli inimici. Raccontanti moki modi , & molti de' mortorii
& de sepolchri, che lo andar lor dietro sarebbe fuor di proposito, si come è
quello elle si dice de gli Sciti, che erano soliti per fare honore a morti di
mangiarseli in compagnia de le altre loro vivande ; & altri nutrire cani , accio-
che morti poi fussino da elsi devorati. Ma sia di ciò detto a baldanza . La mag-
gior parte quali di coloro , che vollono, che la loro Republica fulse ordinata
di buone leggi, procurarono la prima cosa, che & i mortorii , & i sepolchri
non si ficettero troppo suntuosi . Secondo la legge di Pittaco , sopra il tumulo
de la terra del morto non era lecito porvi cosa alcuna salvo che tre colonnet-
te , non più alte che un cubito, ò che una misura , condotta che e' pensava-
no , che e' futte cosa conveniente , che in quella cosa in la quale la natura di
tutti era comune, non vi si havelte ad bavere differentia alcuna, ma che le co-
se fusfino ugualmente comuni cosi alla Plebe , come a Ricchi, secondo il coltu-
jne antico ; adunque si ricoprivano cosi , solamente di zolle , & penl'avano che
quello (lette molto bene , percioche elsendo il corpo di terra, lo riponevano quasi
nel grembo de la Madre. Et ordinarono che nelTuno potelse fare sepolchro la-
vorato di maniera , che vi andalse più rempo che quello vi consumaisero dieci
huomini in tre giornate. Ma gli Egittii feciono più che tutti gli altri i lor se-
polchri con curiosità grandissima. Conciosia che egli usavano dire che gli huo-
mini facevano errore a fabricarsi le case tanto dìlicatamente, le quali havevano
ad eiìere llanze per brevissimo tempo, & a non tenere troppa cura de sepolchri
dove havevano a riposarsi tanto lungamente. Ma a me pare che quello consuo-
ni più alla verità . Le genti in quella prima loro antichità , ordinarono che in
quel luogo dove e' sotterravano i corpi morti, si mettelse per segno la prima co-
la una Pietra , o forsè ( come dilTe Platone nelle sue leggi ) uno arbore, & di
poi cominciarono ad amallarvi sopra, & allo intorno, alcune cose , accioche le
beitie con lo (calzare, o con Io smovere non vi facessino bruttura alcu-
na, & ritornando poi quella medesima stagione dell'anno, ritrovando quel
campo o fiorito, o carico di ricolte, come era a 1' hora, che i loro mo-
rivano, non era gran fatto che si dellasse ne gli animi loro il desiderio de
loro carilsimi morti, & eh' egli andassero insieme al prefato luogo raccontan-
do, & cantando i detti, & i fatti di quelli, & adornando con quelle cose
che e' potevano la memoria del morto . Di qui forsè nacque che tutti gli al-
tri, & i Greci massimo usarono di adornare i sepolchri di coloro, & di farli
sacrificii, a quali e* si trovallero grandemente obligati . Ragunavanfi, dice Tuci-
dide , in quel luogo con habiti appropriati a quello, & vi arrecavano le primi-
zie de' loro frutti : la qual cosa certo pensarono che fulse molto cosa pia, &
religiosìssima il farla publicamente . Onde aviene che io vò conietturando che
eglino posono non solamente a loro sepolchri terra amontata, o colonnette per
ricoprimento & per segno, ma usarono di porvi ancora alcuni Altaretti, per
havervi luogo da poter celebrare tal sacrificio honorarilsimamenrc . Per la qual
cosa procurarono, che e' fussino convenientissìmi, & ornatittìmi per ogni con-
to . Ma furono varii i luoghi dove e' collocarono si fatti sepolchri ; secondo la
legge Pontifìcia non era lecito porre i sepolchri in luoghi publici. A Platone
parve che 1' huomo dovea elTere tale, che né vivo , né morto bavette a elscr
molesto al consorzio de gli huomini, & per quello voleva eh' e' si sotterrassino
fuori de la Città, & in terreno iterile. Quello andarono imitando coloro eh' as-
segnarono a sepolchri un luogo seoperto determinato, & separato dal commerzio
de gli huomini : i quali io lodo grandemente . Altri per il contrario serbavano
i corpi morti in cala rinchiusi in sale , o in getto. Micerino Re de gli Egittii
havea rinchiuso il corpo morto de la figliuola in un bue di legno , e lo serba-
va appretto di sé nel palazzo regio, & commandava a coloro che havevano la
cura de'sacrifizii, che gli facessino il rinnovale ogni giorno. Racconta Servio che
gli Antichi solevano collocare i sepolchri de figliuoli nobiliisimi, & eccellentissi-

B b mi j
loading ...