Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 206
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0326
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


ioS

DELLA ARCHITETTURA

di amicitia 1' un con l'altro. I noftri Antichi, credo io, che con quella me(j
sima intcntione ordinammo nella Città gli spettacoli, non tanto per conto J"
piaceri, & del fileggiare , quanto ancora per conto de la utilità: & cerramen»
te sé noi andren bene esaminando la cosa , ci soverranno molte cose , pet' i"
quali ci dorremo assai, & assai , che una usanza tanto eccellente , & tanto li-
ttle si sia già è tanto tempo dismessa : Conciona che essendo itati trovati oli
spettacoli, alcuni per servire a piaceri nel tempo de la pace, & del riposo, \
alcuni per potersi esercitare nelle cose da guerra, & nelle faccende, 1'uno
de' quali serve ad eccitare & a nutrire la sottigliezza, & la bontà de Io inge.
gno, & de la mente ; & 1' altro accresce maravigliosamente la gagliardia & |a
contiantia de lo animo, & fa le forze robulle; hanno nondimeno l'uno, &
1' altro un modo fermo , & certo per il quale giovano maravigliosamente alla
salute & allo ornamento de la patria . Gli Arcadi si dice che furono i primi
che trovassero i giuochi, & lo feciono per mitigare , & addomesticare gli ani-
mi de loro Cittadini , che erano di vita austera & severa , & quegli che trala-
seiarono di poi tale usanza, secondo che scrive Polibio , diventarono di animi
si crudi, che per tutta Grecia erano tenuti abbominevoli. Ma invero la me-
moria de giuochi è molto antica, & varii si crede che sieno gli inventori di
elsi. Percioche e' dicono che Dionisio fu il primo inventore de balli, & de
giuochi. Trovo ancora, che Hercole fu il primo che ordinasse il giuoco de la
icherma. Dicono oltra di quello che gli Etolii, & gli Epei poi che furono tor-
nati da lo eccidio di Troia , trovarono la inventione del luogo per i giuochi
Olimpici. Dicono ancora che appretto de Greci, Dionisio Lemneo, il quale
fu il primo che trovò i cori de le Tragedie , fu anco il primo che murasse un
luogo per gli spettacoli - In Italia dicono che Lucio Mummio fu il primo che
nel trionfo introdusse i giuochi teatrali dugento anni inanzi, che Nerone impe-
rasse : & gli Istriont vennono in Roma di Toscana . I giuochi de cavalli furon
trovati da Tyrii, & quali tutta la varietà de giuochi che ci sono rimaili, furon
condotti & trasportati de la Alia in Italia . Io credo che in quella prima anti-
chità de le genti, quando e'cominciarono a scolpire Iano in bronzo, facilmen-
te si llesse a vedere i giuochi sotto un faggio, o sotto un olmo. Dice Ovidio :

Romiti tu primo aliar di cure empie/lì

} giuochi, eh' e 7 Sabìn le siglie 'vide

A i 'vedovi Roman gioconda preda.

Non ornala Thentro ancora il marmo

Ne 'vela ombra saceali : e i sttoi siggevi

Non sacea rojfi temperato Croco.

I<vi eran sraudi sola ; e 'n quella gai sa

Che {empiici l ' haxea prodotte il boseo ;

Era senz arte ancor satta la seena :

Sedeva il popol [opra i gradi satti

Di 'verdi cespi, ey difendea dal Sole

L' aspro capei con aitai Jì 'voglia sronde .
Dicono nientedimanco che Iolao figliuolo di Iplicleo fu il primo che nel»
Isola di Sardigna ordinasse gradi da sedere , quando e' ricevè le Teipiade da Er-
cole . Ma da prima anticamente si facevano i Tearri di legno . Anzi biasimaro-
no Pompeio, perche egli haveva fatti i gradi de lo spettacolo fermi, & n°n
da potersi levare , come prima era l'usanza. Dipoi venne la cosa a tanto che
dentro alla Città di Roma erano tre grandinimi Teatri, & Amfiteatri infiniti,
& quello ancora che era capacissimo di meglio che di dugento mila perlone,
& quel luogo che e' chiamavano Cerchio tmassimo : i quali tutti erano fatti o.
Pietre riquadrate, & adornati di colonne di marmo.- Oltre a che non contenti
di si fatte cose, feciono ancora lpcttacoli per a tempo pieni di marmi, S
vetri, & di una infinita moltitudine di ilatue. Il maggiore spettacolo in|in
loading ...