Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 213
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0341
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO OTTAVO.

«'?

craovo per le misure di si fatti lavori che egli erano coli fatti : Solevano gli
Antichi fare la piazza del mezo de Cerchi , larga almanco sellanta cubiti , cioè
braccia xl., & tanto lunga che la larghezza vi entrarle dentro sette volte ; la
larghezza si divideva in due parti uguali, tirando per lo lungo una linea giù
per il mezo, sopra de la quale si collocavano le mete, o i termini in
quello modo : Dividevano quella lunghezza in sette parti, una ne alligna-
vano a la rivolta , eh' occuperebbono i giucatori intorno a 1 ' ultima meta
ne l'andare correndo da la delira nella sinillra; diltribuivano poi l'altre me-
te su per la medesima linea, di maniera che ne la lunghezza del Cerchio
fullìno ugualmente lontane l'una da 1' altra, & occupaltero di tutta la lun-
ghezza cinque lettimi, & era congiunta 1' una meta con l'altra con un piano rile-
vato da terra non meno di sei piedi, che separava talmente di qua , & di là gli
duoi spatii del corso, che o solo, o accompagnati i Cavalli che giucavano, ancor
che e' si voltassero, non havevano donde potelsero attraversare . Et di qua & di la,
a'lati de cerchi, si facevano gradi da sedere non più che per il quinto, né manco
che per il sello di tutta la larghezza de la piazza di mezo, & i gradi da sedere
cominciavano appunto a la uguale altezza , & al piano del rilievo , o imbasamen-
to, sopra il quale erano collocate le mete, accioche gli huomini non portassi-
no, si come non facevano anco negli Amfiteatri , pericolo alcuno da le belile .
Infra le opere publiche sono ancora i luoghi da palleggiare, ne' quali la gioven-
tù si esserati a giucare a la palla , a saltare, & a maneggiare le armi, & do-
ve i padri si ellercitino palleggiandovi essendo infermi ; o facendosi portare, ri-
piglino le forze . Diceva Celso fisico , che lo ellercitio è molto migliore a lo
icoperto che a 1' ombra : ma accioche ei potessino elsercitarsi più commoda-
mente a 1' ómbra, vi facevano atorno portici, co' quali accerchiavano atorno
la piazza ; & la piazza da alcuni era lalfricata di marmo , alcuni la facevano
verde, la empievano di mortella, di ginepri, di cedri, & di cipressi ; in coli
fatto lavoro facevano le Ioggie da tre lati seempie, & talmente grandi , che era-
no i duoi noni maggiori che le Ioggie del mercato. Ma nel quarto lato che
guardava vedo mezo giorno, Ci facevano le Ioggie spatiosissime , & doppie: In la
facciata dinanzi usavano colonne Doriche, alte secondo la larghezza de le Iog-
gie : le colonne dinanzi con le quali li divideva il primo portico dal secondo,
volevano che si facessino più alte , che quell' altre pri ne il quinto , per regger
i comignoli, & per dare il pendio al tetto. Ne è maraviglia sé per quello voi-
lono eh' elle fussmo Ioniche : Conjiosia che le Ioniche di lor natura sono più
lunghe, che le Doriche. Ma io non veggo gii , perche causa in quelle Ioggie
non fulse lor lecito fare il cielo del tetto uguale, & piano da 1' una banda ,
come da 1' altra , conciosia che certamente egli harebbe havuto del gratioso :
ma in amenduoi quelli colonnati la grollezza de le colonne era di quelta ma-
niera. Ne le Doriche la grettezza da piede era due de le quindici parti di tut-
ta la sua altezza col capitello, & con la basa : ma ne le Ioniche, & ne le
Corinthie si dava a la grosTezza da basso de la colonna una parte & mezo de
le otto parti ; che era l'intero del tuso de la colonna. V altre cose si faceva-
no come in quelle de Tempii, & accomodavano al lato al muro del portico
gradi da sedere honoratissimi, acciò servissino a gli huomini gravi, & a filosofi
a dilputare de le cose eccellentissime ; ma quelli gradi da sedere , alcuni servi-
rono per la ellate , & alcuni per lo inverno . Conciosia che da quella parte do-
ve poteva Borea, o Aquilone , vi facevano i gradi per 1' esiate , & da quella
banda donde venivano i Soli lieti, & dove non potesse il vento, gli facevano
per lo inverno, & per quello i gradi per lo inverno erano rinchiusi da alie di
muro intere, & quelli per la eltate levate le alie de le mura da gli lati che
reggevano le tetta, erano di verso borea aperti con alcune fineslre , o più torto
colonnati, che guardavano liberamente verso il mare , o verso i monti, o ver-
so il lago , o verso qua! altra dilicatezza tu ti voglia di luoghi, & ricevevano

den-
loading ...