Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 239
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0381
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO NONO. 13,

disetti, per i quali le cose riuscissìno brutte, erano grandissimamcnte da esser fug.
giti : Tratteremo adunque al presente di quelli , & massìmo de più gravi. I di-
fetti nascono o dal consiglio, o da la mente, come e il giuditio, & la elettio-
jie; o alcuni altri nascono da le mani de li Artefici come sono verbigratia , le
cose che si fanno manualmente. Gli errori , & i difetti del consiglio, & del giu-
dicio sono quanto alla lor natura, & quanto al tempo i più importanti: Et in
sé itera" ancora i più gravi ; & son tali, che fatto lo errore sono manco emen-
dabili. Si che comincieremoci da quelti. Sarà certamente difetto sé tu eleggerai
per porre il tuo edificio una regione mal sana, inquieta, iterile, infelice,
melanconica, & che sia piena, & tormentata da infiniti mali, ascosi, & palesi.
Sarà ancor difetto sé tu disegnerai una pianta mal'atta, & male accomodata.
Se tu applicherai membra à le altre membra, pej uso degli abitanti, che non
convenghino, & non corriipondino à lor bisogni . Se ei non si sarà proveduto
a quanto sia conveniente con dignità alli ordini di ciascuno, & à tutta la fami-
glia libera, & de servi , & de le matrone, & de le fanciulle, & de le commo-
dità di quei de la Città, & di quelli de la villa , & a le commoditati ancora
di chi venirle ad alloggiar teco, & di chi venisse à vietarti . Se tal muraglia
sarà troppo gran macchinacela, o troppo piccola ancora , o sé ella sarà troppo
aperta , o troppo riporta , & chiusa , o troppo riltretta insieme, o troppo (par-
ta, o che e' vi saranno molto più cose, o molto manco che il bisogno si ri-
cerchi : sé e' vi mancheranno stanze , mediante le quali tu non polla difenderti
da gran caldi, o da gran freddi, senza moleltia : sé e' non vi saranno Itanze,
nelle quali tu ti polla essercitare, e pigliar piacere quando sarai sino; & stanze
ancora, che per erte polla schifare le osfensioni de la aria per gli infermi, &
che non si sentono bene. Aggiugnici, sé ella non sarà aliai sicura , & gagliarda
per difendersi ne casi fortuiti, & lubitani da le ingiurie de gli huomini. Se le
mura saranno o tanto lottili che elle non si reghino per sottenere il tetto, o
più grolle che il bisogno per reggerli, & star fer rie : sé i tetti contenderanno
(per dir coli) con le lor grondaie 1'un con 1' altro. Se dette grondaie gire-
ranno lo impeto de le loro acque nelle mura, ò nelle entrate. Se tu porrai ta-
le muraglia troppo balsa, o troppo aUa: sé i vani, & le fìnestre riceveranno
venti mal sani, guazze moiette, o Soli importuni, o per il contrario sé saran-
no tanto itrette che ne induchino troppa oseurità odiosa : sé non haranno riavu-
to riguardo à gli ortami de le mura : sé le entrate saranno da cola alcuna im-
pedite : sé inoltreranno cose brutte, & sporche, & limili altre cose, le quali ne
pallati libri eiplicammo . Ma i difetti che inanzi à tutti gli altri bisogna havere
in odio per conto de li adornamenti, sien quelti: Come le nelle opere de la
natura si vederti per aventura cosa alcuna porta al contrario, o arroveseio, o
manca , o troppa , o sé per conto alcuno ella hivesse mala forma . Percioche sé
queito è imputato a mancamento nelle cole de la natura, & è tenuta per cosa
monstruosa ; che (i dirà egli d" uno Architettore che si sia servito de le parti de
le cole inconvenientemente? &L sé le parti che si usano intorno alle forme, sono
linee, angoli, elìensioni, & limili. Dicono adunque bene coloro, i quali afferma-
no che e'non si trova difetto alcuno di contrafitto, più brutto, ne più detesta-
bile che il mescolare insieme o angoli, o linee, o superficie che non sieno
& di numero , & di grandezza , & di (ito simili 1' un a 1' altra uguali, & con-
giunte insieme con diligentia , & accuratezza grandirtima. Et chi sarà quello
che non biasimi grandemente colui che dove e' non sia slato forzato da alcuna
necessita , habbi tirato mura in qua , & in là simili a un lombrico senza ordi-
ne alcuno, & inconsideratamente , & alcune più lunghe , & alcune più corte
con angoli diluguali , & con congiugnimcnto lenza forma che buona sia, & le
medesime cole massìmo , o in una pianta , che da 1' un lato sia troppo ottusa ,
& da 1' altro troppo appuntata, con regola confusa , con ordine tramutato , &
con consìglio non preveduto, ne esaminato . Sarà ancora difetto haver tirato

in






loading ...