Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 298
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0448
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
jpS

DELLA PITTURA

eloquentia, saranno lette non senza fartidio. Ma io vorrei che mi fuise perdona-
to, sé mentre che principalmente io ho voluto essere inteso , io ho atteso a t
re che il mio scriver sia chiaro , più torto che comporto ed ornato, & qw\\l
cose che seguiranno, arrecheranno per quanto io (pero , manco tedio a qllej
che leggeranno . Noi habbiamo adunque trattato de triangoli, de la piramide
del taglio, & di quelle cose che ci parevano da dire. De le quali cose nien-
tedimeno io ero solito ragionare con gli amici miei molto più lungamente
con una certa regola di geometria, 8s mpstrar loro le cagioni, perche coli
avvenirti , il che io ho pensato di lasciare indietro per brevità in quelli miei
commentarli. Perche io in quello luogo ho racconto solamente i primi prin-
cipii de la Pittura , & gli ho voluti chiamare i primi principii, percicche
ei sono i primi fondamenti dell'arte per i Pittori che non sanno. Ma ei son
tali, che coloro che gli intenderanno bene, conoseeranna che gli giove-
ranno non poco, quanto allo ingegno, & quanto a conoseere la diffinitione
de la Pittura, & quanto ancora a quelle cose che noi doviamo dire. Et non
sia alcuno che dubiti, che colui non diventerà giamai buon Pittore, che non
intenda eccellentemente quel che nel dipignere ei cercherà di fare . Imperoche
in vano si tira lo arco, sé prima non hai desfignato il luogo dove tu vuoi in-
dirizare la freccia. Et vorrei certamente che noi ci persuadesslmo , colui solo
elsere per diventare ottimo Pittore, il quale hora ha imparato a collocare ot-
timamente tutti i d' intorni, & tutte le qualità de le superficie. Et per il contra-
rio io affermo che non riuseirà mai buon Pittore colui, che non saprà esat-
tamente & dijigentissìrnamente le cose che habbiamo dette. Et però è slato
necelsario tutto quello che si è detto de le superficie, & del taglio. Resla hor»
che si ammaestri il Pittore, del modo che egli harà a tenere nello immirar con
la mano, le cose che egli si sarà imaginato prima nella mente.

?.. t'.^tj SVJi.. . I*.

DELLA
loading ...