Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 334
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0488
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
INDICE.

_/s LI! Studio/! delle tre Arti Pittura, Scoi tura , e Architettura , pa, -

Vita di Leonbatijla Alberti. ' v

Proemili . ,

LIBRO PRIMO.

De' disegui, & de la fossanza , & redola loro. CA P. I. ,

De la occasione del fare gli edisicii, & in quante parti consjla tinto il modo

de lo edisicare, & quali cose Jieno utili a ciascuua di ejse parti.

CAP. 11.
De la Regione del Cielo , overo Aria del Sole , & de Venti, che cariano

l'Aria. GAP. III.
Qual Regione Jìa più commoda, & qual meno nel collocare gli Edisici!.

CAP. IV.
Con quali inditi!, & conietture fi hahhia a invesiigare la commodità de la

Regione. CAP. V.
Di alcune pia occulte commoditadi, & incommoditadi de la Regione , le quali

da Savi! debbon ejsire ricerche . GAP. VI.
Del /ito, & de le sorti de le linee. CAP. VII.
De le sorti de siti, de le sorme , & sigure loro , & quali sieno le più utili,

& le più (labili. CAP. Vili.
De lo sompartimento , & onde sa nato il modo de lo edisicare. CAP. IX.
De le Colonne , & de le Mura , & de le cose che alle Colonne si asfettano.

CAP. X.
Di quanta utilità sieno ì tetti & all'i habitutori , & all'altre parti degli

edisici!, <st che ei fono vari! di natura , però s' hanno a sare di 'varie

sorti. CrtP XI.
De 'vani de gli ediscii, cioè sineslre, porte, & de gli altri che non pigliano

tutta la %rissezza de la mura , & del numero , ey de la grandezza

loro. CAP. XII.
De le scale , & de le sorti loro, de gli s-avlioni che debbono ejfere in casfo ,

& de la quantità loro • De pianerottoli, de le gole de' cammini da mail'

dar 'via il summo . De gli acquai, o altri condotti da mandar mia

acqu

& del collocare i pozzi, & le sogne in siti commodi.
CAP." XIII.

LIBRO SECONDO.

Nel quale si tratta de' Legnami.

Che e' non si dehbc cominciare uno edisicio a ensi , ma bifogna bavere molto
tempo prima imaginato , cb* rivolto per V animo, eli ente, <Ss quale
debba riuseire un tal lavoro , és che si dehbe bene consi derare, & esa-
minare con il parere di huomiui intelligenti, tutto l ' edisicio in sé , &
ciascuua proportione , & misura di qualunque parte di quello, non sola'
mente con haverlo disegnato , o dipinto, ma con haverne satti modegli,
iss esempj , o d'affi, o ili quiilcli altra cosa, accioche murato poi non
ti penta di quel e barai satto. CAP. I.

Che altri non si debbe mettere a imprese, che sieno oltre alle sorze sue, ne
tontrajìare alla natura, & che ei si debba confi'derare non soto quel che

■3

16

iS
loading ...