Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 335
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0489
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Che

INDICE. 335

tu pojsa, si 1:>el éhe c> si convenga, ùf in che luogo quel che tu

barai a sare . CAP. II. pag. 29

eor/ìderato diligentemente da ciascuna de le farti de Modegli , tutto

l ' ordine de lo edisicio ; si debbe chiedere [opra di ciò consiglio , a gli

buomini intelligenti, & sa'vi, & 'manzi che e fi cominci a murare,

non solaniente sarà bene salere donde hanno da useire i danari per la

spesa , ma bifogna molto inanzi haver provveduto tutte le cose neces-

sarle per dar sine ad una tale opera. CrtP. III. 30

Che cose si hahhino a procedere per l' edisicio . Quai Maejlri si habbino a
eleggere, & in che tempo , secondo il parere de li Antichi , si debbino
tagliare i Legnami. CAP. IV. jr

Del consermare 1 Legnami poi che saranno tagliati, & de lo impiassrarli, &
de rimedii contro le loro insermitadi ; & del collocargli commodamente .
CAP. V. 34

Quali Legnami sieno più commodi alle sabbriche de li edisicii, & anale sia la
loro natura, la loro utilità , & come si debbino mettere in ufo, ($

qua! parte 'dell ' edisicio ciaseuno fia più atto. CAP. VI.

quando

mettere
tori, 0 più

De li Alberi ancora sommariamente . CAP. VII.

De le Pietre uuiverfalmente : quando fi debbino cavare, é"

in opera , quali sieno più sacili , & quali più dure , 0

durabili. CAP. VIII.
Che gli Antichi ci hanno lasciate alcune cofe de le Pietre degne di memoria.

CAP. IX.
Onde venisse l' nsanza de Mattoni , & in che tempo si habbino a sare : che

sorma habbino ad bavere : quante sieno le sorti loro : & de la utilità de

triangoli: is brevemente de lavori di terra. CAP. X.
De la natura de la Calcina , & del Cesfo ; de l' ufo, & de la sorte loro ; in

quel che elle convenghino insieme, & in quel che elle sieno disserenti ;

às d' alcun altre cofe degne di memoria. CAP. XI.
De le tre sorti, is de le tre disserente de le Rene , & de la diversa materia

di che si sauno le muraglie in diversi luoghi. CAP. XII.
Se la osservatione del tempo giovi nel principiare gli edtsicii : qual sia il

tempo conveniente : con che preghi, & con quali aiigurii s' habbia a

pigliare un tal principio. CAP. XIII.

LIBRO TERZO.

Delle opere.

!,:

he consisia la ragione del murare, quali sieno le parti de le muraglie,
io" di che cofe habbino di bifogno. Che il sondamento non è parte di
muraglia , & quale sia il terreno buono per li edsicii. CAP 1.

Che i sondamenti si debbono principalmente difegnare con linee, Ì9* con quali
inditi! si conofea la faldezza del terreno. CAP. II.

Che le sorti de luovb; fono varie , & però non si debbe preslare cosi al pri-
mo sede a nefsuno luogo , fé prima tu non vi barai cavate 0 sogne , 0
citerne , 0 pozzi, ma ne luoghi paludosi consicebinsi pertiche , & pali
abronzati capo piedi, con mazzi legieri, ma con colpi sptfsi , is conti-
nuati insino a tanto che e' sieno tutti consitti. CAP. III.

De la natura, sorma, & babitudiue de le Pietre ; de lo intnfo de la calcina ,
& del ripieno, iss de legamenti. CAP. IV.

De! sare i ricinti da baffo, 0 sondamenti, secondo gli esempi, éf gli aver-
timene ile li Antichi. CAP. V.

Che e'si debbono lafciare Sfiatatoi aperti nelle mura grosse, da basso, ad al-

l'i
38

39

40

44




S'

5J
54
55

to;
loading ...