Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo   [Übers.]
Della architettura, della pittura e della statua — Bologna, 1782

Seite: 340
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1782/0494
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
34°
De lo adorna

INDICE.

le



luoghi del Consiglio , & le Curie ; ile Bofcbi, de le Cit-
l, de luoghi da notare, de le Librerie, de le Scuole , de le Stalle, dt
gli Arzanali , & de gli linimenti Matematici . CAP. IX. pa

De le terme, o bagni, & de le loro commodità , & adornamenti. CAP. X.

U6

LIBRO NONO.

Che e'J! debbe haver rlspetto in tutte le cofe, & majfimo mila Architettura,
alla utilità , & alla parsimonia ; & de gli adornamenti de la casa Re-
gale, Senatoria, & Consolare. CAP. I.

De gli adornamenti de gli edisicii de la Città, & di quelli de la Villa.
CAP. II.

Che le parti, & le membra de gli edisicii sono infra loro disferenti di natu-
ra , ist dì spetie, & che elle fi debbono adornare in varii modi.
CAP. III.

Con quai suture, con che srutti, & con quai sorti di siat ne si debbino
adornare le cafe de privati, i pavimenti, le loggie, li altre Jlanze,
& i giardini. "CAP. IV.

Che tre sono le cofe principali che fanno gli edisitii belli, & gratiosi, il nu-
mero de le membra, la sorma, & il Jìto. CAP. V.

De la corrispoudenza de numeri, del mi furare le piante, & del modo de la
regola del 'terminare che non è naturale né de le armonie, né de corpi.
CAP. VI.

Del modo del por le colonne; de la mi sura & de la collocatone loro è
CAP. VII.

Di alcuni più gravi disetti de la Architettura. CaP. VIII.

Quai sia lo ossicio di un buono Architettore, & quali sien le cose che fac-
cino gli adornamenti eccellenti. CAP. IX.

Che cose sieno quelle che principalmente babbi a Infogni di considerare una
Architettore, é" che cofe sia di necesfità che eì sappia. CAP. X.

A chi lo Architettore debbe commnnicare il suo coniglio , & l ' opera su* -
CAP. XI.

LIBRO DECIMO.

De disetti de gli edisicii, onde naschiuo, quali sieno quelli, che si possono cor-
reggere , e quai no , da gli Architettori, (S1 quai cose sien quelle , che
saccino cattiva aria . CAP. I.

Che l ' acque principalmente sono necejsariijsìme, & di varie sorti. CAP. II.

Che quattro sono le cose da considerare circa alla co sa dell' acqua , & dove
ella si generi , o donde ella nasea, & dove ella corra. CAP. III.

Che iudicii ci sieno da trovare l'acqua uaseossa. CAP. IV.

Del cavare, & murare i Pozzi, & i condotti, & i Bottini. CAP. V.

De lo uso de le acque, quali sieno più sané , & migliori, & cosi quali sieno
più cattive. CAP. VI.

Del modo del condurre le acque, & come elle si pofsinò accommodare à biso-
gni de gì, buomim. CAP. VII.

De le Citerue, & dell' uso, & utilità loro. CAP. Vili.

Del por le T'iti nel prato : & i>: che modo le selve cresehino ne luoghi paia-
losi, (s1 come si rimedii alle regioni, che sono mole/late dall' acqua.
CAP. IX.

De le Jlrade, o vero viaggi per terra, de le vie per acqua , & de lo argi-
ne. CAP. X.

Jl4

226
118

'33

m

238

241

»45

245

M7
250

255
*>3

2S<5

i6t
lèi

i6q

iéi

Di
loading ...