Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: XVI
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0016
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XVI

errore scrisTé il Vasari) a nome di Bernardo Alberti fratello di-
Leon Batista » e sotto la cura del celebre Angelo Poliziano-, che
vi premise la lettera dedicatoria a Lorenzo deJ Medici, a cui ,:
secondo che iti essa si esprime, il medesimo Leon Batista prima
di morire avea fatto peniìero d* indirizzarla (a) . Egli si render--

te

(a) Abbiamo avuto la sorte di
avere nelle mani, per servircene in
quella noslra impresa , un conserva-
tissimo esemplare di quello rarissìtno
libro dì prima {lampa e quasi codi-
ce, appartenente al N. U. Sig. Ab.
Tommaso Puccini , uno de' più in-
telligenti , e meglio provveduti posi
sessori delle più squisue rarità delle
belle arti che noi conosehiamo .
E' (ingoiare che in quesl' edizione
siali sbagliata la nota dell* anno,
mentre veramente in ella è dampa-
to anno jaltttis mille/imo oèìuagesi-
mo quinto, ove dovrebbe dir(ì anno
salutìs millestmo quadringentesimo
oUuagcfimo quinto . A quei fra i no-
stri lettori , che sono amanti della
bella, ed elegante latinità non sa-
rà certamente dìsearo che noi qui
inseriamo la sovraccennata lettera
dedicatoria di Angelo Poliziano a
Lorenzo de'Medici, la quale leggesì
ancora fra le lettere, raccolte nels
edizione delle opere dì quest' insi-
gne letterato . Eccola dunque . ^7\(-
GELVS TOLITI^ilSlpS £<^-Z^£2\(-
TIO MEDICI TtATROTslp SVO S.D.
Baptisia Leo Elorentmus e • clarijjima

\A\bertorum sumilia > vir ingenti ele-
gantis , acenimi judicii , exquijì-
tìssìmecque doclrina, cum compiuta
alia egregia monimenta posseris relU
quìjjet , tum libros elucubrami de
architettura deceni , quos propemo-
dum emendatos perpolitosque editti-
rits jam in lUcem-, ac tuo dedicatu-
rus nomini, sato ejì sunUus , Hujus
jrater Bernardus , homo prudens, ini-
que inter prìmos fludiosus , ut una
opera tanti viri memoria voluntatì-
que consulerct, <& tuis in [e men-
tis grati am reserret, dejcrìptos eos ex
archetypis atque in volumen redatlos
iibi representat, laurentì Medices •
Et cupìebat ille quidem ut Ìpsmnj>
apud te munus , avMoremque mune-
ris Baptissam ornarem ver'bis. ®>uod
ego mibi nulla rationc jìatui sacien-
àv.m , ne tàtn absoluti operis , tam-
que excellentis viri laudes , culpa
deterevem ingenii . 1>lamque operi
quidem ipsi majus multo ex legione
praconium accedei , qv.am quantum
nllis verbi* assequi pojsim : auéloris
autem laudes non jolum epìssoU an-
gusiìas, sed nossra omnino pauperta-
tem orathnìs resormìdant * gitila
quippe
loading ...