Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 11
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0037
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D E'

D I S;E G N I .

iì. Per quello più che per altro fece bene Alesiandro a noti
voler porre una città sui monte Ato , sebbene per l'invenzione
e disegno di Policrate Architetto doveva esser maravigliosa, per
la ragione, che gli abitanti non vi avrebbono avuta abbon-
2a delle cose . Ad Aristotele poteva forsè piacere quella regio-
ne , massime nell' edisicare le città , nella quale disficilmente si
potesfe entrare ; e trovo, che vi sono fiate alcune genti , che
hanno deliderato oltremodo , che i loro confini alla lunga sieno
abbandonati , e quali fatti deserti dappertutto , solamente per
dare scomodità a'nemici . Se le ragioni di cofioro siano da es-
sere approvate o nò, ne disetteremo altrove; e sé quello gio-
va pubblicamente così, non ho di che biasimare sistituto loro.
Ma nel porre gli altri edisici mi piacerà molto più quella
regione, la quale avrà molte e varie vie, per le quali e collej
navi, e coi cavalli, e coi carri, e di fiate e d' inverno co-
modissimamente vi si possano portar tutte le cose. necesiarie ; e
sé tal regione non sarà umida per abbondanza di troppe acque,
né arida, ó aspra per troppo secco, ma atta ed insieme temperata,
E sé essa non si troverà così appunto, come noi la vorremo ,
eleggiamola anzi che nò, un poco fredda e secca, piuttosto che
calda ed umida più che il bisogno ; imperocché colle coper-
ture , colle mura, colle vesti, col fuoco , e col muoverli si vin-
ce il freddo. Né pensano che il secco' abbia in sé cosa alcuna,
per la quale polsa nuocere grandemente a'corpi, o agl'ingegni
degli uomini; sebbene pensino, che gli uomini per gli alidori
lì risecchino, e per i freddi forsè diventino aspri. Ma tengono
per certo , che tutti i corpi per la troppa umidità si corrom-
pano, e per il caldo si risolvano; e vedesi che gli nomini sì ne'
tempi freddi, sì' per abitare ne' luoghi freddi stanno più sani
e più senza malattie, ancor che si conceda, che ne' luoghi cal-
di gli uomini sono di miglior ingegno, e ne'freddi di migliore
corporatura. Io ho letto ancora in Appiano Istorico, che i Nu-
midi
loading ...