Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 41
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0067
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D E* D I S E G■ N I . 41.

te il Cielo; e tutti quei vani che si lasciano per ricevere i lu-
mi , non è lecito in modo alcuno di lasciarli bassi ; perciocché
i lumi sono veduti dagli occhi, e non dai piedi ; oltrecchè ìoj
limili luoghi accade, che interponendoli un uomo ad un altro ,
s'interrompono i lumi, e tutto il resto del luogo diventa,poi bujo,
il quale incomodo non accade sé i lumi vengano da alto...

Le porte debbono imitare le sinestre , cioè sieno maggiori o
minori, più o meno secondo la frequenza , ed il bisogno del luo-
go . Io veggo che gli antichi ostervaron di lasciare. negli edific;
pubblici asiaissimi vani d'amendue le sorti . Di ciò ci fan fede
i teatri, i quali sé noi bene esaminiamo , son tutti pieni di va-
ni, si di scale , sì ancora di sinestre e di porte . Questi vani si
debbon collocare talmente che in mura grossissime non si lascino
vani piccolissimi, e nelle facciate piccole delle mura , non si la-
scino maggiori del bisogno . In quelle sorti di vani, altri altri di-
segni hanno Iodati, ma i buoni architetti non gli hanno usati , sé
non quadri e di linee diritte . Tutti sinalmente s'accordano inj
quello , che secondo la grandezza , e forma dell' edisicio s' ac-
comodino, e sieno essi poi come si vogliano . Appi-elso dicono
che i vani delle porte debbono essere sempre più alti che larghi, y""***"OT
e di questi i più alti sien quelli, che ricevono due cerchj l'un tav.I.
sopra 1' altro, ed i più bassi abbiano l'altezza della diagonale di PIG,4- 5^
quel quadrato che si farebbe della lunghezza della soglia .

E' poi conveniente porre le porte in.quei lati».che ne.con-
ducano più che sia possibile comodamente in tutte le parti degli
edi-ficj .Bisogna tisar ancora diligenza in dar grazia a Amili va-
ni , con fare che da delira e da Anidra si corrispondano collej
medesime grandezze. Usarono di lasciare le sinestre e le porte
in. numero dispari, ma talmente che le parti dalle bande si cor-"
rispondesfero , e quelle del mezzo fonerò alquanto maggiori .
Procurarono altresì grandemente di- aver rispetto alla gagliardìa
degli edific], con lasciare i vani discosti dagli angoli, e dallo

I 2 co-
loading ...