Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 47
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0073
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
«?.

47

DELL' ARCHITETTURA

DI

LEON BATISTA ALBERTI.
LIBRO SECONDO

DELLA MATERIA.

A

O

Che non fi dee cominciare un edisicio a cafo, ma bìsogna aver mol-
to tempo prima immaginato, e rivolto per V animo , come e
quale debba riufcìre un tal lavoro, e che si dee ben considerà-
re ed efaminare col parere di uomini intelligenti tutto V edisi-
cio in fé, e eia/cuna proporzione e mifura di qualunque parte
di ejfo, non folamente con averlo di fognato , o dipinto , ma con
averne fatti modelli , ed esemp] o di legno, o di qualch' altra
co/a , acciocché, murato poi che sia V eiìs-cio , non ti penta di
. quel chi avrai satto.

> O non penso, che le opere e le spese degli edificj si deb-
bano cominciare a caso sì per molte altre cagioni , sì an-
cora perchè il far questo non nuoca né all'onore, né al-
—,_ la riputazione . Perciocché siccome un' opera bene e com-.
piutamente fatta arreca lode a tutti coloro , che hanno porlo in
lei.ogni loro sapere, fatica1 e Audio, così ancora sé vi sarà co-'
sa alcuna, nella quale tu desiderassi che l'autore avesse avuto in
conto alcuno alquanto più arte o sapere, nuocerà molto alla sua

K loc'e
loading ...