Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 48
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0074
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO SECONDÒ

lode e riputazione . Sono certamente manifeste, e quali che su
gli occhi le Iodi e i difetti degli edificj , e massime de'pubblici,
ne' quali, io non so in che modo , quello che vi è, che loro
non si convenga , tira gli uomini a dispregiarlo , piuttosto cho '
quello che vi è di bello e ben fatto , e compiutamente sinito ,
non gì'induce a maraviglia. E' certo cosa maravigliosa , chej
quasi per. Minto di natura e dotti, e ignoranti, tutti Tentiamo in
un subito nelle arti quel che vi sia, che stia bene, o male, ed
in siffatte cose hanno certo gli occhi un conoscimento più di tut-
ti gli altri acutissìmo. Quindi avviene che sé ci viene innanzi co-
sa alcuna zopp'a, o corta, o che non faccia al caso , o che non
abbia grazia , subito ci sentiamo commuovere , e desideriamo
eh' essa sia più bella. La cagione perchè cosi avvenga non sap-
piam tutti ; nientedimeno sé noi ne fossimo domandati, non sa-
ria nessuno che non dicerie eh' essa si potrebbe rimediare, e cor-
reggere . Non saprà ognuno già trovare il modo da rimediarvi ,
ma solamente coloro che saranno in ciò pratici , ed esercìta-
tissimi.

Egli è officio di uomo savio avere da principio tìeìl' animo
e nella mente sua pensato , e recato a fine ogni e qualunque.)
c.osa-, acciocché poi o nel fare l'opera, o nella già fatta, non
s'abbia a dire, io non vorrei quello,, o io vorrei quell'altro . E'
certo che di un'opera mal condotta sopportiamo non leggeris-
sime pene , allorché in progresso di tempo finalmente ci avve-
diamo , che noi non consideremmo quello che pazzamente, e
senza consiglio ci mettemmo a fare da principio . Onde accade
che sé tu non lo disfai , o non lo racconci, te ne penti conti-
nuamente per la offesa del difetto ; e sé tu lo getti in terra ,
sei biasimato per conto della spesa e del danno, ed accusato di
leggerezza, e d'instabilità d'ingegno . Svetonio dice che Giulio
Cesare avendo cominciato da' fondamenti un edificio in Nemo-
rese, e finito con grandissìma spesa, perchè elso non slava in->

tutto
loading ...