Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 50
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0076
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile

o<2

LIBRO SECONDO

quel!' architetto che si vuole ingegnare d'insegnare la cosa.; ma è
officio di architetto àmbizioso , il quale si sforzi allettando gli
òcchi, ed occupando l'animo di chili guarda, rimuoverlo dal-
la discussione delle parti, che si debbono considerare, ed indurlo
a maravigliarti di lui. Perlochè io non vorrei che i modelli si Snis-
serò troppo esattamente, né Fossero troppo dilicati, uè troppo tersi,
ma ignudi e semplici, ne' quali si Iodi più l'ingegno dell' inven-
tore, che l'arte del maestro . Tra il dileguo del pittore, e quel-
lo dell' architetto vi è questa disferenza , che il pittore si affa-
tica con minutissime ombre , linee , ed angoli per far risaltare
da una tavola piana in fuori i rilievi; e l'architetto non si curan-
do delle ombre, fa risaltare infuora i rilievi mediante il disegno
della pianta, come quello che vuole , che le cose sue sieno ripu-
tate non, dall' apparente proiettiva , ma da' verissimi scomparti-
menti fondati sulla ragione .

Pertanto bisogna fare in tal modo i modelli, ed esaminarli te-
co itesso , ed insieme con altri tanto diligentemente , e rivederli di
nuovo e da capo , che non vi sia nella tua opera cosa alcuna sé ben
minima, di cui tu non sappia e 1' essere e la qualità, che luoghi
e quanto spazio debba occupare , ed a che uso servire ; massima-
mente poi più che di tutte 1' altre cose si dee considerare la ra-
gione e I' arte delle coperture . Imperocché le coperture a mio.
credere fra tutte l'altre cose, che edificarono i mortali, furono
le prime , che arrecarono loro quiete ; di sorte che non si neghe-
rà , che per conto delle coperture, non solamente si sieno trova-
te, le mura , e quelle cose, che colle mura si tirano in alto ej
ne conseguono , ma essersi trovate ancora le cose che si fanno
sotto il terreno come sono i condotti, i canali, i ricevimenti
d' acque piovane , le fogne e limili. Io certo più che esercitato
dall'uso.di cose tali, so quanto sia difficile condurre un' operaj
in modo che in lei sieno le parti congiunte con dignità, comodi-
tà e grazia ; cioè eh' esse abbiano , oltre tutte le altre cose- daj

esserne
loading ...