Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 53
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0079
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DELLA MATERIA

53

sa, ma quello ancora che ti si convenga di fare . Io non lodo
Rodope di Tracia quella celebre meretrice de' suoi tempi, che si
facesse fare un sepolcro di spesa incredibile ; poiché sebbene essa
col suo meritricio guadagno si era procacciate ricchezze reali,
non sa però degna di sepolcro reale. Ma per 1' opposto, non_>
biasimo già Artemisia Regina di Caria, per aver fatto al suo ca-
rissimo e degnissimo consorte il sontuosimmo sepolcro, quantun-
que anche in quelle cose sia da lodar la modestia . Orazio biasi-
mava Mecenate perchè impazzale nell' edisicare . Io veramente
lodo colui , il quale, secondo che dice Cornelio Tacito , fece il
sepolcro ad Otone modello , ma da durare gran tempo . E sebbe-
ne nelle private memorie si ricerca la modestia, e nelle pubbli-
che la magnisicenza, le pubbliche ancora sono alcuna volta lo-
date per eisere modeste come le private. Noi lodiamo, e ci ma-
ravigliamo del teatro di Pompeo, per 1' egregia grandezza e di-
gnità dell' opera, degna veramente di Pompeo, e di Roma vit-
toriosa. Ma la pazzia dell'edisicare di Nerone, e la furia di re-
care a sine le opere smisurate, non è lodata da tutti . Oltro
quello chi non avrebbe voluto che colui , che con tante miglia-
ia di uomini forò il monte pressb a Pozzuolo, averte piuttosto du-
rata tanta fatica, e consumata tanta spesa in qualche altra opera
più utile ? Chi non biasimerà la prodigiosa pazzia di Eliogaba-
lo , che avea pensato di piantare una grandissima colonna per
entro della quale si salisse sopra la cima , acciò vi si. poiiesie so-
pra il suo Dio Eliogabalo , al quale si era consegrato ; ma norrj
avendo trovato pietra sì grande, fattone cercare sino in Tebaide„
si tolse dalla impresa.

Deesi aggiugnere ancora a quello che non si dee incomincia-
re còsa alcuna, quantunque degna, ed utile, e non difficile aj
farsi, ajutandola le facoltà e le opportunità de' tempi, sé debba.»
esser tale, che in breve debba mancare o per negligenza di chi
succede , o per tedio degli abitatori . Io biasimo il fosso che>

avea
loading ...