Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 122
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0148
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
narriente . Oltre a che io ho avvertito , che i marmi per la rug-
gine del ferro si guadano, ed attorno ad esso si rompono . Veg-
gonsi ancora spranghe di legno mede nelle pietre delle antichis-
.sime muraglie, le quali io giudico che non si debbano posporre
■a quelle di ferro. Quelle di rame e di ferro si fermano con piom-
bo ; quelle di leguo sono assai serme per la forma loro , e si
piallano ed acconciano in modo, che per la somiglianza si chia-
mano a coda di rondine . Debbonsi collocar le spranghe talmen-
te , che le gocciole delle piogge non vi possano penetrare ; ej
pensano che quelle di bronzo si facciano fermissime contro alla
vecchiaja, sé nel giurarle vi si mescolerà delle trenta parti unaj
di (lagno, e temeranno meno la ruggine sé si ungeranno con bi-
tume o con olio . Affermano che il ferro si tempera nella biac-
ca, gesso e pece liquida, acciò non arrugginisca . Le spranghe
di legno , unte di cera pura e di morchia non si guadano . Io
ho veduto dove essi hanno messo nel capo delle spranghe troppo
piombo e molto caldo , che le pietre: sono vi sono scoppiate.

Troverai negli edificj degli antichi mura tirate molto fer-
missime dappertutto solamente di ripieni , e quelle si tirano co-
me quelle di terra. Usavano in Affrica e in Spagna , adattando
da un Iato e dall'altro due-tavole o graticci in cambio di spon-
de, tenervele per cortecce, tanto che la pollavi materia facesse
la presa . Ma sono in queslo differenti, che in Ispagna usano met-
tervi un intriso.di calcina e pezzami liquido , e quasi ondeggian-
te, e nell'Affrica calcano coi piedi e coi pali da spianare una
terra viscosa fatta trattabile con averla inumidita e rimeuata as-
sai . In quel luogo medesimo, cioè in Ispagna per. collegamen-
to vi mettono ad ogni tre piedi, quasi come pezzami certe pie-
tre maggiori,, e masiime ordinarie, o veramente spezzate a can-
ti vivi ; perciocché, le pietre tonde , sé ben sono contro le ingiu-
rie robuste, sé non saranno cinte intorno di molti ajuti, saran-
no ili ciascuna muràglia molto infedeli . In quest'altro luogo,
- ri i cioè
loading ...