Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 142
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0168
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO TERZO
143

Comincerò dalla corteccia di sopra , la quale è molto
dissicile a fare che non lì guarii o non si fenda ; poiché es-
sendo erta pregna di umore diventa umida, e venendo tocca poi
dal sole e da' venti avviene che ella pelle pelle si risecchi ; per la
qual cosa , come dell' altra creta molle veggiamo che avviene ,
si ristringe la scorza di sopra , e apre fessure , che non si posfo-
no rimediare ; perchè quelle parti, che saranno diventate aride
non d ristringono insieme per arte alcuna, e le parti umide ce-
dono facilmente, e vanno dietro a ciò che le tira. Io veggo che
gli antichi posero le ultime cortecce, 0 di terra cotta 0 di pie-
.tra, ed i tegoli veramente, ove non si vada su coi piedi., ho io
Villi polli larghi per ogni verso tre quarti di braccio congiunti
con calcina rimenata con olio . Si veggono anche mattoncini
minuti grossi un dito , larghi due e lunghi un quarto, commessi
per lato a spinapesce. Posib'nsi vedere in molti luoghi laslricati di
pietre fatti di tavole di marmo grandissime , e di segate in più
minuti pezzi , e di quadretti . Oltre di quello si veggono am-
mattonati o pavimenti antichi fatti d' una composizione di cal-
cina , arena e matton pello, meschiati per quanto io posso con-
getturare , per terzo . Io ho trovato che quelli pavimenti sono
più fermi e più forti sé vi si aggiugne la quarta parte di traver-
tino pedo . Vi sono alcuni , che lodano grandemente per fare
tal lavoro la polvere di Pozzuolo , che chiamano rapillo . Gli
smalti , che di tali millure sono comporli , bisogna sperimen-
tarli con batterli, spelsissimo , poiché col batterli spesso si gua-
dagnano l'un dì più che 1' altro, e 1' edere serrati, e la durez-
za loro , talché sieno quasi più duri che la pietra stessa. Che sé
tali smalti si bagneranno colla lavatura di calcina e con olio di li*
no, acquisiranno una lucentezza limile al vetro , che non sarà
mai consumata dal tempo . La calcina rimenata con. olio-,
dicono che negli ammattonati non riceve mai cosa alcuna noci-
va. Sotto l'ammattonato ò smalto io veggo esservi Hata polla materia

di
loading ...