Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 144
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0170
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
144 LIBRO TERZO

<*;

quali deve essere sostenuto, gagliarde , e fra loro eguali; il che
quando così non fosse ( come sé avvenisse che alcun muro o tra-
ve vi fosse posta sotto , molto più gagliarda che l'altra ) il pa-
vimento in quel luogo li guaderebbe e si fenderebbe . Imperoc-
ché non tenendo il legname sempre il fermo, ma movendoli se-
condo la varietà de' tempi, e negli umidi ingrodandosi e risec-
candosi, e ristrignendosi ne' caldi, non è maraviglia sé per questìu
cagione 1' ammattonato si fende , durando fatica e cedendo al
peso le parti più deboli. Di quelli sia detto abbastanza.

Ma io non vorrei ommettere quel che fa molto al nostro
proposito , cioè che altro tempo ed altra stagione e qualità di
aria si ricerca per cavare i fondamenti, altra per riempirli, al-
tra per alzare le mura , altra per fare le volte ed altra per met-
tere le cortecce . I fondamenti si cavano comodissimamente ,
mentre che il sole è in leone ed anche in autunno , essendo il
terreno asciutto , né impedendo le troppe acque gli scavi. Mol-
to accomodatamente ancora si riempiono certo nella primavera,
e massìme dove eslì sono molto profondi ; poiché saranno assai
difesi dagli ardori della fiate , mediante il terreno che vi sarà
pofto attorno quali come per difensore . Ma molto più comoda-
mente si riempiranno nel principio dell'inverno , purché quella
tale regione non sia sotto il polo o in simili luoghi, talché ìil>
un subito esli abbiano a ghiacciarli , piuttosto che a fare la pre-
sa . Le mura ancora hanno in odio i caldi eccellivi, i sreddi cru-
deli e i subiti ghiacci , e più che altro il vento aquilone. Lo
volte j sino a tanto che abbiano fatto presa, desiderano più che
altra muraglia stagione ugualissima e temperatissima . Le cortec-
ce porremo noi a tempo molto comodo, sé le porremo al na-
scere delle fielle, chiamate gallinelle ; ed in que'giorni finalmen.
te , che avranno soffiato assai e inumidito i venti ausirali ; per-
ciocché sé non sarà umido del tutto ciò che si avrà ad intonacare
pad imbiancare, non vi si attaccheranno le cose che vi si mette-
ranno
loading ...