Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 155
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0181
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DELLE OPERE IN GENERE 155

^<—————— 1 »—»s&

sopra il lido o ne'monti , poiché in ognuno di quelli luoghi vi
sono alcuni comodi da alcuni incomodi accompagnati. Nel con-,
durre Dionisìo E esercito per l'India, sé gli ammalò per il cal-
do , onde lo ridurle a' monti , ove presa per breve tempo di
queir aria sanissima, ritornò subito sano . Quelli che i primi col-
locarono le città su per i monti , pare che Io facessero , perchè
conoscessero di dover stare in rimili luoghi molto più che altrove
sicuri, ma vi hanno carestia di acque . La pianura ti prederà co-
modo grandissìmo di acque e di siumi, ma essa è coperta d' aria
più grossa , onde la fiate vi saranno caldi {temperati, e l'inver-
no freddi grandinimi , ed è contro agli assalti meno gagliarda. I
lidi per condurre mercanzie sono molto opportuni ; ma come si
dice , ogni città di mare è troppo vaga, e troppo si diletta di
cose nuove , ed eccitata e ventata troppo continuamente dalla for-
za e dal maneggio de' faccendieri va del continuo ssuttuando , ed
è espofla a molti pericolosi casi ed accidenti di armate forestiere.
Quindi io concludo , che ponendo tu in qualsivoglia di quelli
luoghi una città, ti dovrai ingegnare che essa partecipi di tutte
le comodità surriferite , e che non abbia incomodo veruno ; e
perciò vorrei ne' monti fare le spianate, e ne' piani rilevare la
terra. Che sé ciò non potremo conseguire a voglia nosira per la
varietà de'luoghi, ci argomenteremo in modo che nelle regioni
marittime polle in pianure, la città non sia troppo vicina al ma-
re , né troppo discosta sé essa sarà in monte .

Dicono che i lidi si mutano, e che in certi luoghi alcune
città , e Dell' Italia ancora la città di Baja è fiata coperta dal ma-
re ; il Faro in Egitto , che già fu attorniato dal mare, si trova al
presente non altrimenti che il Chersoneso in terra ferma ; ed il
medesimo ancora scrive Strabone di Tiro e di Clazomene . Ol-
tre di quello dicono, che già il tempio di Annone era silila ma-
rina , che, per essersi discostato il mare, si ritrova al presente mol-
to dentro terra . Ne avvertono pure, che le città si pongano 0

sopra
loading ...