Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 188
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0214
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO Q_UINTO

divisero con fosse d'acqua tanto spesse, che la medesima non pa-
re già una sola, ma molte piccole città congiunte insieme; t>
questo credo io che facessero , acciocchèTa comodità e l'uso
del Nilo fosse diviso e sparso dappertutto . Con questo però ot-
tennero anche facilmente , in primo luogo di non avere a teme-
re de'moti della moltitudine, e secondariamente di poter reprir
mere con facilità i detti moti, sé pure ne nascessero ; non altrimen-
ti che, sé di un colosso grandìsfimo sé ne facessero due o più star
tue, più trattabili e più portatili . I Romani non mandavano iru.
Egitto alcun Senatore con autorità proconsolare, ma vi distribui-
vano uomini dell' ordine de' cavalieri ; il che, dice Amano che
essi facevano , acciocché una provincia tanto dedita all' innova-
zione di nuovi tumulti, non fosse governata da un solo . Conside-
rarono niuna città essere siata tanto libera dalle discordie de' cit-
tadini quanto quella, che o fosse divisa dalla natura, come sé vi
passasse un fiume per il mezzo, o vi fossero collinette che la se-
parassero in più parti, o veramente eh' essendo posta parte in pia-
no , e parte in colle , fosse divisa da alcuna muraglia comodissi-
mamenle.

Tal divisione non penso io che lì abbia a tirare come un_j
diametro attraverso d'una pianta, ma come un circuito rinchiuso
in un altro circuito ; poiché i più ricchi , come quelli che vor-
ranno il paese più largo , Rapporteranno facilmente d'essere la-
seiati fuori del primo cerchio, e lasceranno volontieri alle bec-
cherìe, ed alle altre botteghe il mezzo della città per il merca-
to; e la poltrona turba del Terenziano Gnatone, cioè pizzicagno-
li , beccaj, cuochi, e sintili arrecherà più sicurtà , e meno sos-
petto che sé essa non fosse separata da' cittadini più nobili . Né
sia fuori di propolìto, quel che si legge negli scritti di Fello, che
Servio Tullio comandò a' patriz; , che andassero ad abitare nel
borgo , acciocché sé essi avessero cercato in quel luogo di fàrej
innovazione , stando egli sopra a ridosso, li potesse opprimere in
loading ...