Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 197
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0223
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI EDIFICJ PARTICOLARI i97

«>™^^^"^^~ —^<^—-n

il tutto si fàccia secondo 1' opportunità de' luoghi, di manierai
che tutto quello che.noi dicemmo del collocare una città, si os-
servi., nel collocare le fortezze. La fortezza bisogna che abbia so-,
pra ogni altra cosa, flrade diritte e spedite , donde si posia sior-
iere addosso.a'nemici, a' cittadini ed a' suoi terrazzani, sé per
alcuna sedizione o persidia bisogiiasse ; e che si posTano metter
dentro aniti e deMuoi', e de'fòrestieri liberamente, e per terra,
e per fiume , lago o mare . Sarà comodissimo quel disegno di
fortezza,. che come un O si congiugnerà alle mura della città,
le quali si conginngano con essa a guisa di un C con corna pie-
gate, non la. cerchiando però attorno ; o veramente quello dal
quale si partano più raggi , come per andare alla circonferenza ;
poiché in quella maniera , siccome poco fa dicevamo che biso-
gnava fare, non sarà la fortezza né dentro né fuori della città .
E sé alcuno volesse con brevità descrivere la fortezza:, non er-
rerà forsè a dire che essa sia la porta di dietro della città, forti-
ficata da ogni banda gagliardissimamente .

Ma sia etTa come si voglia, o il capo principale , oppur la,
chiave della muraglia , bisogna che essa porga spavento , sia as-
pra , minacciosa , ed inespugnabile , e quanto sarà più piccola ,
tanto sarà più sicura : perciocché la piccola ha bisogno della fe-
de di pochi, e la grande ha bisogno dell' osficio di molti ; e ,
come dice Euripide , non vi. fu mai moltitudine che non fòsse
piena di cattivi ingegni, epperò in limile luogo sarà meno: dub-
biosa la fède di pochi, che di molti . II ricinto della fortezza-»
si dee porre saldo di pietre grandi, con linea dal Iato di fuori a
scarpa,. per la quale.le scale , che vi fossero pofie , diventino de-
boli per avere a star troppo in pendìo ; ed acciocché quel nemir
co, che. accoflatovisi .si attaccale alle mura non possa schivare r.
salli , che di sopra gli fossero avventati ; ed acciocché le cose ,
che dalle macchine de'nemici vi sossero gittate non colpiscano
in pieno. Il piano, dal lato di dentro per tutto sia lastricato di

due
loading ...