Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 200
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0226
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO Q_ U I N T O

della foltezza, acciocché non sieno rovinati dai pesi gittati dalle
macchine , si dee dar sine con. un angolo acuto , o con un ga-
gliardo lavoro, che si fermerà con spessìssime travi. Dipoi met-
tavisi la coperta , e in quella i canali senza calcina o terra alcu-
na , per i quali sé ne vada l'acqua raccoltavi ; ed in sine si cuopra-
no di pezzami di terra cotta , o piuttosto di pomici alzandovele
un braccio e mezzo ; e cosi non avranno paura né de' pesi, che
cadranno loro sopra , né de' fuochi .

In sorrima una fortezza si dee fare non altrimenti, che una
piccola città. Fortisichili adunque con uguale lavoro e arte che
una città, e vi si accomodino tutte le cose che facciano al luo biso-
gno . Non vi manchi s acqua ; sienvi luoghi abbastanza da poter-
vi tenere e mantenere i soldati , le armi, i grani, le carni sat-
iate , 1' aceto, e innanzi ad ogni altra cosa le legne. Quel tor-
rione poi, che noi chiamammo principale , sarà quali come una
fortezza minore, nel quale .-non dee mancar cosa alcuna di quel-:
le che si desideran'o in una fortezza . Dee avere la alterna e i
ripostigli di tutte le cose, mediante le quali elso si possa abbon-
dantemente nutrire e difendere . Dee ancora avere uscite donde il
pollano all'altare i suoi medesimi loro malgrado, e donde si pos-
san metter dentro soccorsi . Non vuò lasciare indietro, che alcu-
na volta le fortezze si sono difese mediante le fosse coperte du
acqua; e che alcuna volta le città si sono prese per le fogne. L'una
e V altra di quelle cose giovano a mandar fuori avvili . Ma biso-
gna aver cura che limili cose possano nuocerti poco , e giovaro
assai . Facciansi dunque comodissime , vadano torte, sbocchino
in luoghi profondilsimi, di maniera che un armato non vi possaj
passare, e che un disarmato non possa sé non chiamato e intro-
mesfo dentro, entrare nella fortezza . Termineranno comodamen-
te nelle fogne, o più prelio in un luogo arenoso abbandonato , ej
non conosciuto , o nelle segrete cappelle e sepolture de' tem-
pj . Oltre di quello non dovendoli mai trascurare gli accidenti

de'casi
loading ...