Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 226
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0252
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ìt6. LIBRO (QUINTO

Farmi aver trattato copiosaraente degli edificj pubblici , se_>
già non ci resla quel che spetta a' magistrati , cioè che elE ab-
biano luoghi adatti, ove possano rinchiudere coloro , che avran-
no condannati per contumacia, persidia e malignità . Trovo che
gli antichi avevano tre sorti di prigioni . La prima era quella.)
dove erano tenuti gli scostumati e i male allevati , acciocché la
notte fossero ammaestrati , e fossero insegnate loro da' dotti ed
approvati professori delle buone arti quelle cose e4è spettano
a5 buoni costumi, e ad.una vita da uomo da bene. La secondai
era quella , dove si tenevano i debitori, e quei che bisognava
raffrenare dalla licenziosa vita , in che erano trascorsi . La ter-
za era quella , nella quale per macerarli colle tenebre e col-
la sporcizia, si mandavano coloro , che erano crudeli e {"cellera-
ri , indegni del cielo e del commercio degli uomini , e chej
aveano a morir presto . Se quella ultima sorta di prigione sarà
alcuno che ordini , che si faccia limile a una spelouca sotterra-
nea o ad un'orrenda sepoltura, costui certo risguarderà assai più
alla pena del reo, che non si conviene secondo la legge , e se-
condo la natura degli uomini; poiché sebbene gli uomini di ma-
lissima vita per le loro ribalderie meriteranno qualsivoglia ultimo
supplicio , sarà officio di una repubblica e di un Principe pen^
dere alquanto sempre verso la pietà . Sia dunque abbastanza-j
1' aver fortificato limili edisicj con mura., vani e volte , talmen-
te che colui, che vi è dentro rinchiuso , non ne possa da per sé
sletto uscire ; alla qual cosa gioverà molto la grosssezza, la pro-
fondità e 1' altezza di tal muraglia fatta con pietre grandi e du-
rissime, collegate l'una coli'altra con ferro e con bronzo . Ag-
giugnivi sé tu vuoi, le finestre ferrate asprissime quali di travi j
o di cose limili ; ancorché quefle cose sono al tutto di poco va-
lore , e non reggono mai tanto che il prigione ricordevole della
libertà e della salute sua non le possa rompere facilmente , pur-
ché tu gli lasci mettere ad esecuzione le forze dategli dalla natu-
ra
loading ...