Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 231
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0257
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI EDIFICJ PARTICOLARI

•231

che spetti piu.ttosto alle case de'padroni,; sia in città,; oppure: iru
villa . A quelle cose darai tu perfezione colla moltitudine degli
tiomini e coli' abbondanza degli finimenti, e più che con altro
coli' industria e colla diligenza del lavoratore . Gli antichi vole-
vano, che la famiglia del lavoratore fode di quindici persone s
Adunque bisogna avere dove riscaldarli, quando fa freddo , dove
riceverli partitili dal lavoro per i cattivi tempi.,, e dove possano
dare a mangiare , a riposarsi , e ad ordinare le cose , che elsi
avranno di bisogno. Facciali adunque una gran cucina, non buja,
sicura da'pericoli dell'incendio, col forno, col focolare, col
pozzo e coll'acquajo . Contigua alla cucina vi sia una camera,
dove stieno le persone più qualificate , la cada del pane , la car-
ne salata e i lardi da serbarsi per i bisogni di giorno in giorno .
Gli altri si distribuiscano in modo , che ciascuno sia sopra le sue
cose , e pronto ad eseguirle, Il fattore di villa stia accanto alla_j
porta principale, acciocché non poda alcuno senza sua saputauscir
fuori la notte , 0 portar via cosa alcuna. Que' che hanno ad aver
cura delle bestie , stieno predo alle stalle, acciocché per la dili-
genza loro non resli a farli cosa alcuna che accada . Quello balli
quanto al numero degli uomini e alle loro ispezioni.

Gl'instrumenti alcuni sono animati, come i bestiami , ed al-
cuni senz' anima come i carri, i ferramenti e limili . Per amor
di sistattì striimenti facciali accanto alla cucina uria'gran capan-
na , solto la quale lì ripongano il carro , la treggia, 1' aratro , il
giogo , le cede da fieno, e limili altre cose , e sia detta capanna
volta a mezzodì , acciocché la famiglia rielE inverno vi possa (la-
re a passare al sole i; giorni di feda . Al fattojo .ed allo strettojo
bisogna dare uno spazio grandissimo e nettillìmo . Siavi ancora.»
un magazzeno , dove si ripongano e si serbino lo dajo , i panieri
grandi di vinchi, i panieri piccoli , le funi, i sarchielli, i bec-
castrini ed altre sidate cose . Sopra i legni che attraversano lej
travi nelle capanne vi 6. distendano graticci, e sopra vi si ripón-
K k gano
loading ...