Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 241
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0267
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGÙ ED.IFICJ» PARTICOLARI ' j^t

carboni, e per quello conto i leggisti non vogliono che i carbo-
ni sieno, specie di Iegne . Quindi lì dee pensare che elsi usasiero
i caldani di ferro e di rame dove facessero fuoco, secondo chej
il caso e la dignità ricercava . Ma forsè quei bravi uomini av-
vezzi ed induriti alla guerra, e stando quali sempre insieme non
usavano molto i cammini. Certamente non ci concedono i medici
che noi fliamo continuamente a' gran fuochi. Dice Aristotile che
gli animali hanno le carni sode per il freddo , ed avvertirono
quei che fanno proferitone di sintili cose, che i lavoranti che at-
tendono alle fornaci, diventano quasi tutti in viso, e nella pel-
le crespi e grinzosi , e dicono che ciò avviene, perchè,le carui
tirate e distese dal sreddo, perdono quel sugo del quale Sì nudri-
scono, perchè si distilla mediante il fuoco , e sé ne va in vapo-
ri . In Allemagna, sra i Colchi, ed in altri luoghi, dove è di
necessità valerli del suoco per difenderli da' sreddi, usano le stu-
fé, delle quali si tratterà a'luoghi loro .

Torniamo a' cammini che bisogna sieno fatti a quello modo.
Egli è di necessità che sieno aperti, capaci di molte persone, lumi-
noli, e non vi tiri vento ; abbiano nientedimeno onde esca il
fumo, che altrimenti non salirebbe . Non si facciano in un can-
tone, non troppo sitti nel muro, né occupino ancora 1' apparec-
chio principale, non siati moleflati da'venti di sinelìre o di por-
te, non escano colla bocca troppo fuori del diritto del muro,
abbian la gola grande e larga da delira a Anidra, e che diritta a
piombo alzi la telta sopra qualunque altezza di mura ; e quello
sì perchè si suggano i pericoli degl'incendj , si ancora, accioc-
ché il vento incontrandoli in qualche parte del tetto , non ritar-
di l'uscita del fumo , e non lo rimbocchi in giù . II fumo di sua
natura per esser caldo sale in alto, ma poi per il calore dellej
siamme e del cammino si spinge con più velocita ; ricevuto adun-
que nella gola del cammino, si serra come per un canale, e per
l'impeto delle siamme, che lo secondano, esce non altrimenti

Lia che
loading ...