Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 242
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0268
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i4» LIBRO Q.UINTO

che un suono d'una tromba . Ma siccome avviene che la trom-
ba, sé è troppo larga, non rende il suono chiaro per il rivol-
tarvisi dell' aria , così interviene ancora del fumo . Cuoprasì hj
testa del cammino per cagione delle impetuose piogge, e. fac-
cianvisi all' intorno naselli , che sporgano infuori con ali dallo
bande , acciò rimuovano le moleitie de' venti, e fra 1' ali e I
naselli si lascino le buche per 1' uscita del fumo . Dove tu non.,
possa far quello , farai un paravento che vorrei stasse sitto sopra
un perno diritto . Il paravento è una cadetta di rame, larga di
maniera che abbracci le bocche della gola del cammino ; abbia-,
quella sopra come per cimiero una ladra di ferro, che guidata come
un timone volti la testa a' venti che sofHano . Grandissimo van-
taggio ti arrecherà sé in cima de' cammini metterai all' intor-
no alcuni corni di bronzo , o di terra cotta, larghi ed aperti col-
la bocca larga volta nella gola del cammino all'ingiù, per la_>
quale i ricevuti fumi dalla bocca più larga , escano di sopra per la
più stretta a dispetto de' venti.

Alle sale bisogna accomodarvi le cucine e le dispense dove
si ripongano le cose, che avvanzano dalle cene , e i vasi e Iej
biancherìe . La cucina non vuol edere né su gli occhi de' convi-
tati , né anco troppo lontana, acciocché elsi posiano aver le vi-
vande né troppo calde, né troppo fredde, e non debban sentire
lo strepito de' guatteri, delle padelle e de' catini, né il loro fe-
tore . Dove s' ha a passare colle vivande , bisogna che vi sia l'an-
dare qual si conviene , non vi piova , non vi sia cosa sporca,
e che si provvegga che le vivande non sieno discreditate da simi-
li cose . Di su le sale si va nelle camere ; appartiene agli uo-
mini delicati e grandi , che non sieno le medesime le sale per
l'inverno, e quelle per la fiate. Sovvienmi il detto di Lucullo,
che non bisogua che un uomo nobile sia peggio assortito che le
•grue, o le rondini. Ma noi racconteremo quello , che approva
in qualunque cosa il diseorso delle persone moderate . Predo di

Emi-
loading ...