Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 252
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0278
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ajj. L I B R O S E S T O

e»_____,-------——————

ceano ritirare indietro dall' impresa . Dall' altra parte quella ra-
gione che mi avea inclinato a dar principio all' opera , la mede-
lima mi richiamava e mi confortava a seguitarla. Perciocché mi
sapea strano , che tante gran cose, e tanto eccellenti avvertimen-
ti degli scrittori si perdessero per l'ingiuria de' tempi, di manie-
ra che appena un Colo da sì gran naufragio , cioè Vitruvio , ci
fosse rimarlo, scrittore veramente che sapea ogni cosa, ma dal
tempo in modo guaslo , che in molti luoghi vi mancano molte
cose, ed in molti ancora molte più cose vi si desiderano . Oltre
di quello vi era , che egli non avea serino molto ornatamente ;
poiché parlò di maniera , che a' Latini parve che parlarle Greco,
ed a' Greci che parlane Latino ; ma la cosa slessa ci fa teslimo-
nianza, che egli non parlò né Latino, né Greco, di modo che
polliamo dire , che egli non scrivesse per noi , poiché scrisTe di
maniera, che noi non lo intendiamo . Reslavanci gli esempj del-
le cose antiche ne'temp; e ne'teatri , dalle quali come da'per-
fetti maeflri si poteano imparare molte cose ; ma io le vedea non
senza mie lagrime consumarsi di giorno in giorno, e vedeva co-
loro , che per avventura edificavano in quesli tempi, andare piut-.
torlo dietro alle pazzìe de' moderni , che dilettarli della verità
delle opere lodatissìme.

Per le quali cose 'non vi era alcuno che negasse che quesiaj
parte della vita , per dir così, e della cognizione non fosse per
spegnersi del tutto in breve tempo. Essendo le cose così, io non
potea fare a meno di andar pensando più e più volte meco sieno
di descriverle ; e nell' andare esaminando cose tanto grandi, tan-
to degne , tanto utili e tanto necessarie alla vita degli uomini,
non giudicava che fb.sTe.rp da traseurasi le cose, che a me , che
volea scriverne , mi si facessero incontro ; e pensava che fosse
officio di uomo dabbene e studioso, lo sforzarli di liberare quella
seienza , la quale sempre i più sav; antichi (limarono assai, dalla
sua annichilazione e rovina. Così slava in dubbio, e non mi.sa-:

. - pea
loading ...