Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 253
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0279
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI ORNAMENTI ijjs?

pea risolvere , sé io dovessi proseguire l'impresa, oppure abban-
donarla. Vinse alla sine l'amore dell' opera , e di tali iludj, ed a
quel che non era badante l'ingegno mio, suppliva un ardente Au-
dio e un'incredibile diligenza . Non vi era in alcun luogo un'ope-
ra antica ove risplendesse alcuna lode , che io subito non andasTi
investigando, sé io da essa potessi imparar qualche cosa . Andava
dunque considerando , misurando e disegnando ogni cosa , norij
ne lasciando alcuna indietro in vermi luogo , sino a tanto che io
avessi conosciuto interamente, e posseduto tutto quello che da_,
qualunque ingegno o arte in Affarti edisicj fosie flato .metto in_,
opera, ed in quefto modo io alleggeriva la fatica dello scrivere
col desiderio , e col piacere dell'imparare . E veramente il rac-
corre insieme, raccontare con dignità, collocare con ordine ra-
gionevole , scrivere con accurato stile , e inoltrare con vere ra-
gioni tante varie cose , tanto disperse e tanto aliene dall' uso è
cognizione degli uomini , era al tutto osficio di uomo di più qua-
lità, e di maggior dottrina , che io in me non conoscea .

Non mi dispiace però, né mi lagno punto di me stesfo , sé
io ho pur conseguito quel che mi era ideato, che coloro , cioè ,
che. mi leggeranno abbiano a trovarmi piuttofio facile che elo-
quente . La qual cosa quanto sia difficile nel trattare limili cose
lo conoscono più facilmente coloro, che ne hanno fatta esperien-
za, che non lo credono coloro che non hanno esperienza alcu-
na . Ma sé io non m'inganno, le cose che noi abbiamo serine»
le abbiamo serine di maniera, che non si negherà che non sieno
espofle secondo le regole dì quella lingua , e intenderanno!! an-
cora assai bene . Quello medesimo in quelle cose che seguitano
e' ingegneremo di fare per quanto potranno le forze noflre . Del-
le tre parti che spettavano- a tutte le sorti degli edisicj , cioè che
essi fossero accomodati secondo i bisogni, saldislìmi per durar gran
tempo , e graziosisfìmi e piacevolissimi, dopo di avere spedite le
prime due, ci resta a spedir la terza degnissima più che tutte l'al-
tre , e mólto necessaria. CAPO
loading ...