Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 269
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0295
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI ORNAMENTI s<SP

ra ornamento l'essere detta pietrai-ara ed eccellente, come ver--
bi grazia sé essa fosse di quella specie di marmi che sono puri,
candidi e trasparenti, di modo che serrate tutte le porte paja_>
che dentro vi sia rinchiusa la luce , della qual sorta dicono che
Nerone fece nel suo aureo palazzo il tempio della Fortuna.

Tutte quelle cose finalmente faranno bene ; ma comunque
esse sieno, saranno cosé inette , sé nel comporle insieme non si
userà ordine e modo più che diligente ; perciocché ciascuna di
lord si ha a ridurre a numero, di maniera che le pari corris-
pondano alle pari, quelle da destra a quelle da smiltra , . quelle
da basso a quelle da alto, non frapponendovi cosa alcuna , che
perturbi o le cose, o gli ordini , ed aggiuntando tutte le cose a
determinati angoli, con linee limili ed eguali. Puossi certamen-
te vedere che alcuna volta una materia ignobile per esser ma-
neggiata con arte, arreca seco più grazia, che una nobile in al-
tro luogo consusàmente ammaliata . Chi direbbe mai che quel
muro di Atene, che Tucidide racconta che fu fatto tanto tumul-
tuariamente , che vi misero sino le statue levate da' sepolcri,
folle per tal calo bello , cioè per esser pieno di ftrage di sta-
tue.3 Così per lo contrario ne diletta di riguardare le alzate mu-
la degli antichi edisicj contadineschi fatte di pietre minute ra-
gunàticcie , purché gli ordini sieno conguagliati e dipinti a vi-
cenda di colori bianchi e neri, di maniera che paja, che secon-
do la piccolezza dell' opera non vi si possa desìderare più altro .
Ma quello si appartiene forsè più a quella parte delle mura, che
si dice l'intonacare, che all'alzare delle mura. Finalmente tut-
te quelle cose, che sono molte si debbono distribuir di maniera,
che non ve ne sia cominciata alcuna senza arte , e senza consi-
glio , non ve ne sia accresciuta alcuna oltre a quelle, che ricerca
la ragione delle cose principiate, non ve ne sia lasciata alcuna.»
per sinita, che non sia con grandissima cura e diligenza termi-
nata e perfetta. Ma il principale ornamento delle mura e delle

coper-
loading ...