Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 273
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0299
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
.DEGLI ORNAMENTI i7s

rt*m^mm^^^^n^—n—■«—wgiMMimJg^^Miy,

come vorresti ; e per Io contrario con un .(libito colpo , e con_,
■lina furiosa spinta si muovono alcune cose , che giammai senza
una slraordinaria forza di peli grandissimi, si sarieno potute muo-
vere.' Sopra il ghiaccio ancora i grandissimi peli non ripugnano
a chi li tira . Veggiamo ancora , che quelle cose che pendono
da un lungo canapo per alquanto spazio son pronte ad esser mos-
se . Il considerare le ragioni di quelle cose, e l'imitarle sarà a*
proposito , e noi perciò ne tratteremo succintamente .

Bisogna che il difetto del peso sia saldiliimo e uguale , ej
quanto sarà più largo , tanto meno consumerà il piano di sotto ;
e quanto sarà più sottile, tanto sarà più spedito , ma farà solchi
nel piano , e affonderavvi. Se nel disotto del peso vi saranno an-
goli , quessi come unghie asferreranno il piano, e resisseranno al
viaggio . Se i piani saranno lisci, gagliardi, uguali e forti , non
pendenti da alcun Iato, non elevati , non affondati da alcuna_>
parte, il peso certamente non avrà cosa alcuna che gli contralti,
o perchè ricusì di obbedire, eccetto che elso peso di sua naturaj
è grandissìmo amico della quiete , e però tardo e lento . Consi-
derando forsè Archimede simili cose, ed esaminando più profon-
damente la forza delle cose, che noi abbiam dette, fu indotto a
dire, che sé si trovasse base di tanto gran macchina, gli darebbe
il cuore di trasportare il mondo . L'ordinare il fondo del peso,
e il piano sopra a cui li ha a tirare , il che noi qui cerchiamo ,
ci verrà fatto comodamente . Distendanti travi tante, tanto gras-
se, e tanto gagliarde, che sieno ballanti al peso , salde , uguali,
lisce e congiunte insieme ; e fra il fondo e il piano mettali qual-
che cosa che faccia il cammino più lubrico , come sapone , se-
vo , morchia, o lavatura di creta . Evvi ancora un altro modo
di fare il cammino lubrico, cioè con curii mettivi sotto attraver-
so, i quali sé saranno in troppo gran numero , difficilmente si ac-
conceranno diritti, a linee uguali e determinate al disegnato viag-
gio , il che è di necesfità che si faccia, acciò non dieno noja, e

P p 2 non
loading ...