Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 284
DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0310
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
facsimile
LIBRO SESTO

facendoli più grassa mal volontieri si seccà. Io ho veduti alcuni
che per non spendere, non la fanno pili grassa che un suolo di
fcarpa . L' arricciato di mezzo dovrà farli secondo che sarà più
vicino, o all' ultimo o al primo. Ne' massi delle cave di pietraj
si trovano certe vene limili ad un trasparente alabastro, che non
sono né marino, né gesso, ma d'una certa natura mezzana fra
l'uno e l'altro, le quali son molto atte a disfarli . Quelle Affai-
re vene pelle e meschiate in vece di arena inoltrano certe scin-
tille come di splendido marmo . In molti luoghi si veggono chio-
di messi per le mura , acciò ritengano gì' intonachi, e il tempo
ne ha insegnato , che sono migliori di bronzo che di ferro .
Piaccionmi assai coloro , che in vece di chiodi hanno mesfo fraj
J' una pietra e 1' altra per le mura con un martello di legno cesi
te scheggie di selce, che sporgono infuori. Il muro quanto sarà
più fresco e più ronchioso, tanto più fòrte riterrà gì' intonachi ;
peritene sé nel murare,. e mentre che si fa l'opera tu 1' arricce-
rai , benché leggiermente, farai che tutti gli altri intonachi vi si
attaccheranno fortissimamerite, e da non si spiccare mai . Dopo
che hanno tirato i venti australi sarà meglio fare qualsivoglia di
quelle cose ; poiché sé quando tira tramontana, e che sono o gran
freddi, o gran caldi, tu vorrai intonacare, l'intonaco subito di-
verrà scabroso .

Le cortecce finalmente sono di due sorti ; o esse sono appia-
flrate e distese, o esse sono di cose aggiuntevi ed adattatevi so-
pra. Dislendeli il gesso e la calcina, ma il gesso non è buono sé
non in luoghi asciuttissimi . A qualsivoglia sorte di cortecce lu
scorrente umidità delle mura vecchie è inimicissima . Le cose che
si commettono sono pietre, vetri e limili. Le cortecce distese ed
appiastrate sono o bianche schiette, o ornate di figure di sracchi odi
pitture: quelle che li commettono sono gl'intavolati, gli sfondati e
i tavellati . Tratteremo delle prime , per le quali la calcina si
ordinerà in quella maniera. Spengasi la calcina con acqua chiara
loading ...