Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 305
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0331
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
RE GLI, ORNAMENTI DE'.TEMPJ ,305

CAPO II.

Vi che pietre , e come graffe fi debbano fare le mura ; e chi
furono i primi a sabbricare i tempi •

Lodarono gli antichi, e masfime i popoli di Toscana , che lo
j pietre per le mura fossero grandissime e riquadrate ; il che
gli- Ateniesi ancora secondo Temistocle praticarono nel loro Pi-
reo . Veggonsi cartella antichisiìme in Toscana, nel ducato di Spo-
leto , e presso a Piperno nella Campania , murate di grandissime
pietre rozze, il qual lavoro certo a me piace grandissìmamente ;
perciocché tal sorta di muraglia dimostra una certa rigidezza di
antica Severità, che arreca all' antica città non piccolo ornamen-
to . Io certamente vorrei che le mura delle città foriero tali ,
che guardandole il nemico sé ne spaventasse , e diffidatoli di esse
sé ne partirle . Arrecano ancora seco maestà i folli larghissìmi, e
profondi accollo alle mura , che abbiano le ripe scoscesi , come
dicono che erano que' di Babilonia , che erano larghi cinquantaj
cubiti regj, e fondi più di cento . Accresce maestà s altezza e_>
la grossezza delle mura sienili a quelle , che si dice che fecero
Nino, Semiramide , e Tigrane , e la maggior parte di tutti quel-
li , che hanno avuto 1' animo inclinato alla magnificenza . Nelle
torri e ne' corridori delle mura di Roma ho io veduto pavimenti
dipinti a musaico , e mura intonacate di cose onoratiilìme : maj
tutte le cose non stanno bene in qualunque città . Le delicatezze
delle còmici e degli intonachi non si ricercano nelle mura del-
le città, ma in vece di cornici eseano fuori alcune pietre alquanto
più lavorate che le rozze, lunghe, polle a corda e coli'archipen-
dolo , e in vece d'intonachi, ancorché l'asprezza delle facce pos-
sa farle comparire alquanto più rigide, e quali minaccevoli, vor-
rei nondimeno che le pietre vi fossero talmente congiunte insieme
su i canti, e con uguali linee di maniera, che murate non vi si

T t a ve-
loading ...