Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 333
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0359
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI ORNAMENTI DE'TEMPJ 3-33

spizj tratteremo dipoi , e quelle surono le cose , che usarono i
Dorici.

Gli Jonici giudicarono e non senza savio consiglio , che Co-
pra le colonne maggiori si dovettero porre architravi più grassi;
la qual cosa non senza ragione sarà bene osservare anche negli
ordini dorici j Per quello esfetto giudicarono che si avesse ad or-
dinarle in quello modo. Quando si abbia a fare una colonna al-
ta venti piedi, 1' architrave dee essere alto la tredicesìma parte
della lunghezza della colonna ; quando si abbia a fare una colon-
na lunga venticinque piedi facciali alto l'architrave per la duo-
decima parte della lunghezza della colonna ; e sé finalmente la
colonna avesse ad esser lunga trenta piedi, facciali alto per l'un-
decima parte di detta lunghezza, e con quella regola si proceda
poi bisognando alle altre . L'architrave degli Jonici fuor della ci-
raasa è fatto di tre fasce, e diviso tutto in nove parti . Due di
quelle sé ne assegnano alla cimasa , considente in una goletta.
Il rimanente dipoi sotto la cimasa divisero in dodici parti , tre
delle quali assegnarono alla fascia di sotto , quattro alla fascia
di mezzo, e cinque alla fascia di sopra, che viene appunto sot-
to la cimasa. Vi furono alcuni che a dette fasce non fecero cimasa
alcuna, ed alcuni ve la fecero, e di quelli ve ne furono alcuni,
che fecero una gola della quinta parte, ed alcuni che della set-
tima parte della sua fascia fecero un basìoncino.

Troverai oltre di queslo che negli edisicj degli antichi simi-
li dilegni e lineamenti surono trasportati e meschiati diversameh-
te da un ordine ad un altro in modo, che non ti parranno pe-
rò da biasimare . Ma sopra tutti gli altri pare che lodassero
queir architrave, nel quale non eran più che due fasce, il qua-
le io credo che Ila dorico , levatone quei due regolétti e quei
chiodi. Queslo disegnarono in quesio modo . Divisero tutta 1' al-
tezza in nove parti , una e due terzi delle quali ne assegnarono
alla cimasa ; e sotto quella ne assegnarono alla fascia del mezzo

quat-
loading ...