Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 351
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0377
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI ORNAMENTI DE'TEMPJ

SS"

Il fuso 'del candeliere sorgeva in alto con vasi strozzati nel collo
podi T uno sopra l'altro , e in cima vi si metteva una tazza con-
cava piena di gomme e di legni odoriferi. Trovali serino quanto
balsamo per ordine del Principe si ardeffe per ciaseun giorno so-
Ienne in Roma nelle chiese principali a spese del pubblico , cioè
libbre cinquecento ottanta ; e quello balli de' candelieri.

Ora vegniamo alle altre cose, colle quali si adorna eccellen-
temente il tempio. Ho letto che Gige donò al tempio di Apolli-
ne Pitio tre tazze di oro massìccio , che pelavano libbre trenta-
mila', e presso a Delfo esservi slati vasi di oro massìccio e di ar-
gento , ciaseun de' quali teneva sei anfore . Vi furono alcuni, .
che Rimarono più l'invenzione e la fattura , che non (limarono
1' oro . Presso a' Samj, nel tempio di Giunone, dicono che vi fu
una tazza con intorno certe figurette di ferro , la quale già gli
Spartani aveano mandata a presentare a Creso, tanto grande che
teneva trecento anfore, cioè 13 500. libbre . Ho trovato ancora.,
che i Samj mandarono già a donare a Delfo un vaso di ferro,
nel quale erano intagliate con artisicio grandissìmo certe tede di
animali, e che era retto da certe slatue alte sette cubiti , cioè
braccia cinque e un quarto , che ginocchioni Io sofienevauo . Ma-
raviglioso certo fu quel che fece il Sannitico Egizio al tempio del
dio Api, ornatissìmo di varie colonne e di varie slatue, nel qua-
le vi era l'immagine del dio Api, che continuamente si volgeva a
guardare verso il sole; e quella ancora fu cosa maravigliosa che
la freccia di Cupido nel tempio di Diana in Efeso slava sospesaj
senza esiere legata in alcun luogo con legame alcuno . Né so io
che mi dire di sifiatte cose , sé non che esse si debbono porre in
, luoghi decenti, di maniera che sieno guardate con maraviglia e
.con riverenza.

Bb b

CAPO
loading ...